martedì 13 agosto 2013

(Ri)vediamoli - STRANGE DAYS

(id.)
di Kathryn Bigelow (USA, 1995)
con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Tom Sizemore, Vincent d'Onofrio

"Guardati intorno! Il mondo è tutto un casino. Che t’importa di morire? Tanto il mondo finirà tra 10 minuti"

Me lo ricordo come fosse ora: la sala piena, le luci che si abbassano, pochi minuti e la platea che viene letteralmente stordita da un ritmo impazzito, frastornante, debordante... un fiume di colori, suoni, azione, straordinariamente kitsch e meravigliosamente incontenibile. Qualcuno si mette le dita nelle orecchie, qualcuno si lamenta perchè 'il volume è troppo alto', il resto (la maggioranza) vengono travolti dalle immagini e dalla forza di questa fantascienza-contemporanea (non è un paradosso) firmata Kathryn Bigelow.


E' l'ultimo giorno dell'anno, forse l'ultimo giorno dell'umanità, il mondo è in preda alla follia e le gente si sballa con lo 'squid', l'ultimo ritrovato per abbandonarsi e illudersi di sfuggire ad un destino ineluttabile. Eppure in questo tourbillon di immonde sensazioni c'è ancora chi, coraggiosamente e romanticamente, crede nell'amore e nella speranza. Strange Days è un film per chi ha il coraggio di 'credere', non importa in cosa: in Dio, nella gente, nella speranza, nel futuro. Era il 1995 quando l'ho visto: non erano ancora crollate le Torri Gemelle, eppure c'erà già chi teorizzava una società senza punti di riferimento e lobotomizzata dai 'grandi fratelli'...

Eppure il finale, quel finale, in un Capodanno isterico e tumultuoso, talmente posticcio, irriverente, assurdo, inverosimile, è uno dei finali più belli che mi siano capitati di vedere al cinema. Strange Days è un film 'obbligatorio' da vedere per tutti i romantici e i puri di cuore, e per tutti gli amanti del cinema spettacolare, genuino, muscolare ma con un'anima: magari sorseggiando un buon bicchiere vino o stringendo la mano della persona amata. Da vedersi, perchè no, anche nell'ultima notte dell'anno esprimendo un desiderio...
Siamo solo ad agosto, ma i bei film non hanno stagioni!

10 commenti:

  1. uno dei miei film preferiti, lo vidi al cinema e usciì estasiato...

    RispondiElimina
  2. Grande film, anche se della Bigelow ho sempre preferito Point break.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello anche 'Point Break', però quando si parla di surf io penso sempre e solo a 'Un mercoledì da leoni' (vedi post sotto)...

      Elimina
  3. Come il cinema, la fede, la speranza, una miriade di ideali o anche uno soltanto. Purché si creda ancora in qualcosa. A proposito di desideri...io la notte di San Lorenzo ho strizzato gli occhi un paio di volte. Incrociamo le dita...anzi, nel frattempo mi vado a rivedere questo film. Grazie Sauro per avermelo ricordato, in questo momento ne ho bisogno. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per questo commento. Io di desideri non ne esprimo più, temo di essere un po' troppo avanti con gli anni per meritarmeli... però non c'è niente di male a farlo e, soprattutto, non costa niente! :-) E se, nel mio piccolissimo, con questo post ho contribuito a strapparti un sorriso ne sono davvero contento!!

      Elimina
  4. Film molto molto figo! Ai tempi mi ero lasciato sedurre dalla lascività della Lewis, ma crescendo ci ho trovato un senso metaforico molto profondo - anche se non sono entusiasta come te

    RispondiElimina
  5. Beh, ai tempi eravamo in parecchi a farci ammaliare dalla Lewis... a me piace anche adesso! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se in quasi tutti i film che fa si spoglia, un motivo ci sarà XP

      Elimina
    2. Beh, diciamo che vorrei portare io i miei 40 anni come li porta lei... che poi non è neppure bellissima, ma ha una carica di erotismo e sensualità come pochissime altre donne. Una vera bomba-sexy! :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...