mercoledì 29 gennaio 2014

THE BUTLER


(id.)
di Lee Daniels (Usa, 2012)
con Forest Whitaker, Oprah Winfrey, David Oyelowo, Cuba Gooding jr., Robin Williams, James Marsden, Liev Schreiber, John Cusack, Alan Rickman
durata: 113 min.


Se un merito dobbiamo attribuire a Lee Daniels, il regista di The Butler, è certamente la sua pervicace determinazione nel denunciare al mondo le discriminazioni e le faticose lotte per i diritti civili intraprese nel corso della storia dai neri americani. Lo aveva già fatto nel 2009 con Precious (con cui aveva sfiorato l'oscar) e con il recente The Paperboy, conquistandosi la stima di tutto il mondo 'liberal' (critica compresa). Certo Daniels non è Spike Lee, e le sue opere sono molto meno aspre e politicizzate di quelle dell'illustre collega, però non nutriamo dubbi sull'eticità, l'impegno civile e l'onestà intellettuale di questo cineasta.

Però, come si suol dire, spesso c'è differenza tra le intenzioni e i risultati. E ci rincresce constatare che nel caso di The Butler questa è davvero abissale, ovviamente tutta a sfavore del prodotto finito, che non riesce a sollevarsi dallo stereotipo del filmone hollywoodiano melenso e strappalacrime, zuccherosamente democratico e convenzionale fino allo stremo, che non riesce mai a toccare davvero le corde dell'emozione malgrado il cast sontuoso e l'abbondare di scene-madri dispiegate generosamente lungo i 113 minuti di durata.
P

Peccato, perchè The Butler poteva essere davvero un film importante: attraverso la storia di Cecile Gaines (nome di fantasia ma personaggio reale), maggiordomo di colore che per un trentennio fu silenziosamente al servizio di ben sette presidenti americani arrivando perfino a essere loro uomo di fiducia e consulente 'super-segreto', si presentava l'opportunità di sviscerare un pezzo importante di storia a stelle e strisce attraverso una lente d'ingrandimento del tutto particolare... invece il film di Daniels finisce per concentrarsi quasi esclusivamente sui volti e i caratteri dei vari leader, scavando nel loro privato (operazione legittima ma in questo caso 'fuori tema') e tralasciando gli aspetti sociali e strettamente politici. Finendo oltretutto per svilire lentamente lo stesso ruolo del protagonista, che piano piano esce di scena diventando sempre più spettatore e sempre meno personaggio chiave.

Una grande occasione sprecata quindi, malgrado la consueta notevole interpretazione di Forest Whitaker e di tutto il cast di supporto (da Oprah Winfrey a tutti gli attori che si immedesimano nei presidenti americani: Robin Williams, John Cusack, James Mardsen, Liev Schreiber, Alan Rickman). Ne viene fuori una specie di fiction di gran classe, forse più adatta alla tv che al cinema, oltre che un clamoroso e non richiesto spot all'amministrazione Obama. In questo modo si spiega anche la clamorosa débacle ai Golden Globes e agli Oscar, dove era considerato uno dei titoli più attesi e invece è finito abbastanza presto nel dimenticatoio.

9 commenti:

  1. Ho come l'impressione che appena passerà dalle mie parti si prenderà una vagonata di bottigliate! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che ci sono buone possibilità! :)

      Elimina
  2. Un film melassa intriso di buonismo. Contentissimo che sia stato ignorato da qualsiasi premio cinematografico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in fin dei conti è solo uno 'spottone' per Obama. Neppure l'Academy, tradizionalmente nazionalista e patriottica, ha avuto il fegato di premiarlo...

      Elimina
  3. Non l'ho visto, ma non mi ha mai ispirato. Anche perché con gli americani che parlano della loro 'storia' [perché, hanno una loro storia?] ho una strano pregiudizio molto razzista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pregiudizi non fanno mai bene (lo dico anche a me stesso, eh!) però troppe volte... non sappiamo farne a meno! Quanto alla storia, gli americani sono un popolo dalla storia necessariamente breve, per questo parlano sempre più o meno delle stesse cose. Non è questo il problema. Basterebbe un po' più di obiettività e meno melassa. Purtroppo non è questo il caso.

      Elimina
  4. Boh, sarà che la storia afroamericana mi ha sempre destato interesse, ma a me è piaciuto proprio questo aspetto del film, più del protagonista Gaines. Mi ha fatto riflettere che sono passati meno di 40 anni dalla fine del razzismo dilagante americano, ma sembra un'eternità. Il resto è un po' strappalacrime, ma funziona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici è vero. Gli americani fanno sempre finta di cadere dal pero... per decenni hanno imposto sanzioni al Sudafrica 'dimenticandosi' che l'apartheid ce l'avevano in casa! Così come per mille altri aspetti storici. Questo però non è bastato a farmi apprezzare il film che, come ripeto, ha un 'buonismo' di fondo francamente insopportabile... oltre che essere molto paraculo: sarà un caso che con Obama presidente questo genere di film è diventato quasi un filone cinematografico? :)

      Elimina
  5. I was suggested this blog by my cousin. I'm not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my trouble.
    You are incredible! Thanks!

    Here is my homepage ... clash of clans cheat (www.apm.hk)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...