giovedì 13 marzo 2014

ALLACCIATE LE CINTURE


(id.)
di Ferzan Ozpetek (Italia, 2014)
con Kasia Smutniak, Francesco Arca, Filippo Scicchitano, Carolina Crescentini, Carla Signoris, Elena Sofia Ricci, Francesco Scianna
durata: 110 min.


E' vero che siamo appena in marzo ma possiamo scommettere fin da ora su quale sarà la scena più trash in assoluto del 2014 del cinema italiano. Sentite qui: c'è una brava mogliettina, sposa infelice e malata di cancro, che giace stremata su un letto d'ospedale, distrutta dalla chemio. E c'è il marito, rozzo e libertino, nonchè palestrato e tatuato, che tira via il lenzuolo e con la grazia di bisonte in calore si getta sulla consorte e si produce in un amplesso 'sfrenato' (sic!) con la poveretta. Lei è Kasia Smutniak, nemmeno l'ultima arrivata, e viene da chiedersi come si sia trovata coinvolta in questo pasticcio. Lui è Francesco Arca, quasi concittadino di chi scrive, ex 'tronista' di Uomini e Donne e persino convinto di essere un attore (non è dato sapere perchè...)

Di fronte a una scena come questa si può reagire in due modi: o la prendi sul ridere correndo il rischio di passare per cinico e strafottente di fronte alle ragazzine munite di kleenex, oppure rabbrividisci per la clamorosa involuzione tecnica e stilistica di un regista forse sopravvalutato ma comunque capace in passato di girare opere ben più dignitose. Davvero si stenta a credere che il Ferzan Ozpetek de Il bagno turco o Le fate ignoranti abbia potuto firmare un film così imbarazzante e insopportabile, talmente imbevuto di humor involontario da rasentare il ridicolo: sono ridicoli i dialoghi (forse ridotti all'osso per venire incontro alle capacità attoriali di Arca), sono ridicoli gli attori, sono ridicole perfino le location, di per sè splendide ma talmente stereotipate da non vederle più così nemmeno nei depliant turistici delle agenzie di viaggio (la caletta 'incontaminata' dove i due fedifraghi piccioncini copulano appassionatamente è degna di Laguna Blu).

In Allacciate le cinture ci sono tutti i clichè stra-abusati dell'Ozpetek-pensiero: amore, tradimenti, malattia, nevrosi, e ovviamente l'immancabile personaggio gay. Tutti frullati in un calderone informe di ovvietà sullo sfondo del mare del Salento: il film infatti è foraggiato dall'Apulia Film Commission, ma la storia è talmente impersonale che potrebbe svolgersi ovunque, anche perchè di tutti gli attori del cast non ce n'è uno del posto e tutti parlano col loro accento senza nemmeno sforzarsi di sembrare un minimo autoctoni... assistiamo così alla nascita della storia d'amore tra Elena (Smutniak) e Antonio (Arca): lei bella e con la testa sulle spalle, lui tamarro e razzista, apparentemente odioso ma, chissà perchè, in grado di convincerla istantaneamente a cadere tra le sue braccia. Entrambi mollano così i rispettivi compagni per vivere la loro storia, all'inizio all'insegna della passione e poi, com'è logico, segnata dalla crisi e dalla malattia di lei.


Aggiungi didascalia
Così, in un confusionario evolversi di sequenze artefatte e plastificate, l'ultimo Ozpetek scorre via tutt'altro che leggiadro, tra i sospiri delle adolescenti in sala cresciute nel segno di Maria De Filippi e la noia di chi sperava di assistere (invano) a un melò 'complicato' e sfizioso come nelle opere migliori del regista italo-turco. Ma qui, davvero, siamo lontani anni luce dall'essere un film accettabile, nemmeno sul piano strettamente stilistico. Ci dicono che Arca sia ingrassato di una decina di chili per 'interpretare' il suo personaggio in età avanzata, e che se ne sia pure vantato: qualcuno gli dica che se per diventare attore bastasse mangiare bistecche... beh, a quest'ora saremmo tutti De Niro.

17 commenti:

  1. L'hai visto anche tu, quindi.
    Mi spiace.

    RispondiElimina
  2. Non l'ho visto, non avevo in programma di vederlo... ma adesso ancora di più! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito dico sempre a tutti di non fidarsi delle recensioni (soprattutto delle mie! :) ) e di scegliere i film senza pregiudizi, perchè i gusti possono davvero essere molto diversi. Però stavolta... direi che faccio un'eccezione: non lo consiglio a nessuno!

      Elimina
  3. ah ah grazie per l'avvertimento..c'era una volta Ozpetek....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero... c'era una volta un regista forse sopravvalutato ma, almeno all'inizio, raffinato e introspettivo, seppure tutti i suoi film fossero sempre patinatissimi. Ma non avevano niente a che fare un pastrocchio di questo genere!

      Elimina
  4. Ok Sauro, quando anche tu stronchi un film italiano c'è proprio da stare alla larga. Alla larga da Ozpetek, tra parentesi, ci sarei stato comunque ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ci sarei stato anch'io... ma a volte bisogna anche accondiscendere la compagnia. Come dice Jep Gambardella "sono arrivato a un'età in cui dovrei fare solo ciò che mi va di fare" :)

      Elimina
  5. Grazie per averlo visto al posto mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è di che... a buon rendere! :))

      Elimina
  6. Bene, me ne terrò alla larga, ennesima stroncatura e zero voglia di vedermelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene. Non ho letto molto in giro ma faccio fatica a capire chi può parlar bene di questo film...

      Elimina
  7. Hai avuto un bel coraggio nell'andare a vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non mi andava di stare in casa e che a volte bisogna accontentare anche gli altri... ma certo ci potevano essere mille modi migliori per trascorrere una serata! :)

      Elimina
  8. Già dal trailer mi ispirava poco...come dissi dalla Poison ho passato persino gli inviti all'anteprima gratis, vedi un pò tu....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...