giovedì 23 luglio 2015

STAGIONE 2014 - 2015 : I "TOP" DELL' ANNO

"American Sniper", di Clint Eastwood
E anche per quest'anno si chiude... la stagione cinematografica va in archivio ed è, ovviamente, tempo di bilanci. Con grande piacere, devo ammettere che non è stato affatto facile scegliere i sette migliori film dell'anno, complice un'inusitata abbondanza alla quale non eravamo davvero abituati...

Sì, è stata un'ottima annata, che è andata oltre ogni rosea aspettativa: parlo ovviamente di qualità artistica e non di quantità (per la classifica "ragionata" sugli incassi e i gusti del pubblico, l'appuntamento è per la prossima settimana), ma era da tempo che il sottoscritto non premiava con le cinque stelle (ovvero il massimo dei voti) ben cinque pellicole nell'arco della singola stagione, oltre ad un cospicuo numero di "quattro stelle", cioè la soglia dell'eccellenza.

Come si evince dai titoli sotto, è stata la stagione della grande rivincita del cinema americano, presente con ben quattro titoli su sette (a cui si aggiunge il canadese Mommy), e noi spettatori europei, da sempre troppo schizzinosi e diffidenti verso tutto quello che arriva da oltreoceano, dobbiamo avere l'onestà intellettuale di ammetterlo. E in questa classifica ci sono sia i grandi vecchi (come Eastwood e Mann, ai primi due posti) sia cineasti del presente e del futuro (Miller, Linklater e Dolan). L'Italia se la cava con Nanni Moretti nella top-seven, ma sono parecchi i nostri film che stazionano ai margini dell' "olimpo", a testimonianza della ritrovata vitalità delle nostre produzioni.

"Blackhat", di Michael Mann
La qualità della stagione si giudica anche (anzi, soprattutto) dalle esclusioni eccellenti: sono tanti infatti i bei film che non sono entrati in questa classifica ma che avrebbero meritato di esserci... a cominciare da Birdman, fresco trionfatore agli oscar e apprezzatissimo anche dalla critica, per non parlare dell'ultimo Mad Max, fino a Vizio di Forma, Whiplash, e come detto a molte pellicole italiane: pensiamo a Youth - La giovinezza, Hungry Hearts, Anime nere, Il giovane favoloso, Torneranno i prati... 

Insomma, una stagione da incorniciare e che sarà dura da ripetere.
Qui sotto ci sono le mie scelte: a voi la facoltà, se vorrete, di criticare, aggiungere, commentare... è sempre e solo un gioco, a cui è divertente partecipare!

   

1) AMERICAN SNIPER (di Clint Eastwood, Usa 2014) 
La storia (dis)umana e privata di un uomo divenuto eroe suo malgrado diventa per Eastwood il leit-motiv per una durissima e spietata riflessione su un paese terribilmente bisognoso di eroi, eppure incredibilmente avaro verso di essi. Un film americano fino al midollo, moralmente irreprensibile, per nulla agiografico (al contrario di quanto riportato da tante critiche preconcette), che alterna magistrali sequenze d'azione a scene di vita familiare drammaticamente vuote e disagevoli. Clint ormai può permettersi tutto, anche un finale patriottico e commovente che forse irrita il pubblico occidentale ma rispetta la storia e la cultura di un grande paese pieno di contraddizioni. Capolavoro.


2) BLACKHAT (di Michael Mann, Usa 2015) 
Un film clamorosamente bello da vedere, pura goduria per gli occhi, che segna il grande ritorno di Michael Mann e del suo cinema malinconico, dolente, fatto di atmosfere, sguardi, abbandoni, frasi smozzicate ed emozioni rimaste in gola. La trama è solo il pretesto per una pellicola fascinosa ed elegante, romantica e affabulatoria, con la solita regia da capogiro e i dettagli che fanno la differenza. E poi, ovviamente, le consuete scene d'azione che tolgono il fiato: gli ultimi venti minuti del film, con cacciatore e preda che si inseguono nel bel mezzo di una celebrazione religiosa, tra ali di folla impassibile e indifferente a tutto, sono forse la sequenza più bella dell'intera stagione cinematografica. Vedere per credere.


3) FOXCATCHER (di Bennett Miller, Usa 2014) 
Attenzione a Bennett Miller, cineasta poco prolifico ma che non sbaglia un colpo, confermandosi uno dei registi americani più lucidi e attenti dell'ultima generazione. Foxcatcher racconta una storiaccia fatta di soldi e miseria, sentimenti sopiti e non corrisposti, dolore e solitudine, frustrazione e rabbia repressa. Un ritratto agghiacciante del mondo di oggi e della società statunitense in particolare: il paese delle "seconde occasioni" non esiste più e la luce in fondo al tunnel è solo un'abbagliante illusione... un viaggio senza ritorno nel lato oscuro del Sogno Americano, dove tutti i protagonisti, inevitabilmente, sono portati all'autodistruzione.


4) BOYHOOD (di Richard Linklater, Usa 2014) 
Più che un film, un progetto nato da un'idea tanto folle quanto straordinaria: seguire la crescita e la maturazione di un ragazzo dall'infanzia fino all'adolescenza, girando le riprese anno per anno per undici anni, con gli stessi protagonisti che "invecchiano" sullo schermo senza bisogno di effetti speciali... il grande merito del film è quello di mostrare la naturalezza della vita e la bellezza dello stare al mondo, una splendida riflessione sul tempo e sulla capacità di accettarlo: Boyhood ha il pregio, enorme, di farti apprezzare nello stesso momento la magia del cinema e della vita, anche per chi considera la propria esistenza come la più ordinaria possibile. Perchè la nostra vita, come quella di tutti gli altri, è una bellissima storia che merita di essere raccontata.


5) MIA MADRE (di Nanni Moretti, Italia 2015) 
Diciamola tutta... nessuno si aspettava da Moretti un film così intimo e privato, dove il più schivo e altezzoso dei registi italiani si mette coraggiosamente a nudo come mai aveva fatto prima, complice un evento infausto e totalizzante come quello della morte di un genitore. Mia Madre è uno splendido dramma umano ma anche un importante film politico (come tutti i film di Moretti), dove il cineasta romano ci parla dell'unica politica oggi possibile: quella praticata dalle persone perbene che, disgustate dai palazzi del potere, si prodigano con tutte le forze per migliorare l'esistenza del prossimo. Un Moretti fragile e per una volta umile, che grida al mondo la propria inadeguatezza e si rifugia negli affetti profondi, mostrando i suoi punti deboli affinchè ognuno capisca quali siano le vere priorità della vita.


6) UN PICCIONE SEDUTO SU UN RAMO RIFLETTE SULL'ESISTENZA (di Roy Andersson, Svezia 2014) 
Un film assolutamente folle e stralunato, eppure geniale nel mettere in scena un teatro dell'assurdo che gli è valso il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia. Pellicola grottesca, piena di umorismo feroce, livida come (tutti) i personaggi che descrive: Andersson fotografa con sarcasmo e pietà cristiana un'umanità spaventosamente gretta, indegna di vivere... il suo è un film sull'insensatezza della società moderna, palesemente votata all'autodistruzione. Si ride e si piange, godendo di uno stile spiazzante e unico che ricorda il Kaurismaki prima maniera. Gli uomini sono ridotti a piccoli freaks compassionevoli non più intelligenti del piccione impagliato che li osserva dall'alto. Se si è disposti ad abbandonarsi alle immagini e aprire la mente, possiamo assistere ad un'opera unica nel suo genere.


7) MOMMY (di Xavier Dolan, Canada 2014)  
Compiaciuto? Ruffiano? Autoreferenziale? Forse un po' sì... ma quando ti chiami Xavier Dolan e sei così bravo, maledettamente bravo, certe cose te le puoi anche permettere.  Mommy è un film di incontenibile potenza visiva ed evocativa: racconta una storia universale, drammatica, adatta a tutte le latitudini, e lo fa con lo stile e la classe di un veterano. Tre persone unite dall'amore e dalla pazzesca voglia di vivere, pur con tutti i problemi che vengono dalla dura quotidianità. Un film dalla vitalità prorompente, capace di contagiare lo spettatore e regalargli momenti di assoluta commozione. Un concentrato di emozioni forti che sbalordisce, provoca, colpisce al cuore. Cinema allo stato puro.


12 commenti:

  1. Il piccione e Dolan ancora mi mancano, Mia madre non male, ma per me non così potente, mentre sugli altri niente da dire.
    In particolare i grandi vecchi Mann e Eastwood, decisamente su un altro pianeta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eastwood e Mann, a mio modestissimo parere, sono i maggiori registi americani viventi. E la mia classifica viene fuori di conseguenza... due film enormi, con alterne fortune (strepitoso successo di critica e pubblico per il primo, l'esatto contrario per il secondo) ma che per me sono nettamente i migliori dell'annata.

      Elimina
  2. Due (i primi due) non li ho visti.
    Due (Mommy e Boyhood) erano uno sul podio, uno nei 10 l'anno scorso da me.

    Gli altri tre saranno nel mio 2015, due dei tre in posizioni altissime, forse uno addirittura più in alto di tutti....

    Coraggioso non mettere Inarritu. In ogni caso di tutti quelli che hai messo sul testo (quindi esclusi) quelli che ho visto saranno tutti tra i 10/15 migliori miei.
    insomma, non dissento su nessuno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Birdman potevo metterlo ex-aequo con Mommy, ma ho preferito la genialità (seppur imperfetta) di Dolan a un film invece "perfetto" ma emotivamente meno coinvolgente. Comunque, appunto, il fatto che Birdman stia fuori è il chiaro esempio di quanti bei film abbiamo visto quest'anno!

      Elimina
  3. Aiuto, il tuo podio mi fa un po' paura visto che racchiude un film che proprio non ho voglia di vedere e due tra le peggiori visioni per me di quest'anno... Boyhood e Mommy a parte che erano nella mia cinquina nonchè ancora nel mio cuore, direi che dissentiamo parecchio...
    Di mesi per tirare le somme ne ho ancora, ma da gennaio ad oggi, solo 2 film (Youth e Mad Max) mi hanno commosso ed esaltato, spero tutto migliori una volta che a settembre i cinema riapriranno davvero i battenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di essere rimasto l'unico blogger che ancora compila le classifiche al termine della stagione cinematografica in senso stretto anzichè in base all'anno solare... vedo che anche le riviste specializzate ormai si stanno "convertendo"a questo. Probabilmente il prossimo anno lo farò anch'io, anche se mi sembra abbia poco senso perchè l' "anno cinematografico" va, appunto, da estate a estate (adesso infatti non esce praticamente più nulla...)

      Ma, dettagli a parte, ricordo bene che non ti era affatto piaciuto Foxcatcher :D
      Ovviamente non discuto sui gusti, e riconosco che in effetti i tre film del mio podio sono tutti molto "maschili", non faccio fatica quindi a comprendere lo scarso appeal verso l'altro sesso...

      Ma ti voglio bene lo stesso! :D :D

      Elimina
  4. Blackhat è un film immenso, di spropositata bellezza. Poi ci sono tutti gli altri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il vecchio Clint se la cava, dai... :D

      Elimina
  5. Per me "Mommy" è da primo posto, ma è vero che diversi titoli che hai messo non li ho visti. Però un solo film italiano su sette mi pare un po' poco, dato che comunque anche te sottolinei l'alta qualità della nostra produzione, almeno per quanto riguarda quest'anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto sopra, quest'anno c'erano felici problemi di abbondanza... ed ho inserito Moretti perchè lo ritengo il migliore dei nostri film. Però anche "Hungry Hearts", "Il giovane favoloso", "Anime nere", "Torneranno i prati" potevano benissimo starci in questa classifica: è stata una bella annata per il nostro cinema, a prescindere da questi che non sono altro che giochetti simpatici!

      Elimina
  6. Ciao Sauro! Bel dilemma infatti... Almeno in Italia, ha più senso fare la classifica a fine stagione, dato che c’è il vuoto quasi totale da metà luglio a metà agosto. Negli altri paesi magari quella riferita all’anno solare. Nell’incertezza, io di solito le stilo entrambe ;-) Venendo ai film, straquoto “American Sniper” e “Blackhat”, per me fra i migliori 3 dell’anno (al primo posto personale resta “Sils Maria” di Assayas). Purtroppo non ho visto “Foxcatcher” e “Un piccione…” anche se cercherò di recuperali assolutamente (il primo poi m’ispira particolarmente). Anche a me sono piaciuti molto “Boyhood” e “Mia madre”, magari con una stelletta in meno. Tra gli italiani, il migliore della stagione per me è “Anime nere”. Altri titoli notevoli, anche se non capolavori, “ ’71”, “Calvario” (entrambi provenienti dal suolo irlandese), “Lo sciacallo – Nightcrawler”, “Birdman”, “Gone girl” (anche Fincher è fra i miei registi preferiti insieme a Eastwood e Mann, ma se non erro a te la sua ultima fatica non aveva entusiasmato) e due commedie (genere tanto bistrattato), “Pride” e “Tutto può cambiare”. Sono invece in controtendenza su “Mommy”: Dolan gira bene ma il film non mi ha convinto, soprattutto per la sceneggiatura. A presto (anche con la Flop10 della stagione)! Alex

    RispondiElimina
  7. Ci credi se ti dico che non ho ancora visto "Sils Maria"? Che, ovviamente, cercherò di recuperare prima possibile (e comunque ti credo in parola, visto che Assayas è un regista che è da sempre nelle mie corde: mi era piaciuto tantissimo "Qualcosa nell'aria"). E non ho visto nemmeno "Calvario" e "Pride" (ma li vedrò presto all'arena estiva del mio paese), mentre "Tutto può cambiare" è davvero molto, molto carino (anche se sono molto di parte, essendoci Keira ;) ) e lo metto immediatamente a ruota dei primi sette... te l'ho detto che quest'anno la scelta era difficile!
    Sul discorso delle classifiche... beh, direi che la tua è senz'altro la soluzione migliore!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...