martedì 8 dicembre 2015

DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES


(Le Tout Nouveau Testament)
di Jaco Van Dormael (Belgio, 2015)
con Benoit Poelvoorde, Pili Groyne, Yolande Moreau, Catherine Deneuve, Francois Damiens, Laura Verlinden, Serge Lariviere, David Murgia
durata: 113 minuti


Nel Nuovissimo Testamento, quello scritto e diretto da Jaco Van Dormael, Dio non vive nel Regno dei Cieli ma se ne sta rinchiuso in un triste appartamento popolare di Bruxelles, buio e senza porta d'ingresso, con l'unico intento di far soffrire l'umanità. Gli bastano un computer e una buona dose di sadismo per muovere gli uomini come burattini e perseguitarli con malanni quotidiani, al solo scopo di trascorrere il tempo (infinito) delle sue giornate, godendo delle disavventure altrui. Ma la figlia undicenne Ea, da buona adolescente irrequieta, è decisa a ribellarsi al perfido genitore: consigliata dal fratello J.C. (vi dicono niente le iniziali?) sarà lei a scendere sulla Terra per "rimettere a posto le cose..."


Lo farà, ovviamente, a modo suo: intrufolatasi di nascosto nell'ufficio del padre (cioè Dio), Ea manomette il computer facendo in tempo ad inviare ad ogni essere umano un sms con la data della propria morte. In questo modo libererà gli uomini da ogni timore reverenziale verso l'ingombrante genitore e li "costringerà" a dare un senso al tempo che gli resta da vivere. Sei di loro, inoltre, avranno la fortuna (se così possiamo chiamarla) di diventare nuovi apostoli e aggiungere un tocco di buon senso e poesia a questa bellissima favola surrealista.

Dio esiste e vive a Bruxelles è infatti una lucida e grottesca parabola sulla natura umana e il nostro atteggiamento nei confronti della morte, oltre che un film magnificamente folle e  "sconclusionato", drammatico e vitale allo stesso tempo, che si permette di regalare ad ognuno di noi una splendida lezione di vita: finchè siamo al mondo è nostro dovere vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo, ascoltando quella "musica del cuore" che ogni persona possiede e che solo la piccola Ea all'inizio riesce a sentire. Il film, pur non citandolo espressamente, è un omaggio a Mark Twain e alla sua massima più celebre ("Concedi a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita"), ricordandoci che la strada per la felicità passa sempre attraverso la nostra consapevolezza e la nostra disponibilità a recepirla.

Non fraintendete: il film di Van Dormael ha un approccio laico e neutrale, e non vuole essere assolutamente una critica verso alcuna religione. E' piuttosto un formidabile grimaldello contro ogni fondamentalismo, oltre che un sincero invito alla riflessione su quanto sia importante non piangersi addosso, non arrendersi a ciò che sembra ineluttabile, non restare prigionieri dei propri piccoli egoismi. E' proprio un gran bel film, una delle più belle sorprese di questa prima parte di stagione: merito di un regista geniale e visionario cui, proprio come la sua protagonista, basta un tocco di mouse per cambiare lo sfondo alla volta celeste e metterci di buonumore, a dispetto di quanto di più brutto ci sia al mondo. Sarà il candidato belga all'oscar per il miglior film straniero, quanto basta per fare il tifo per lui.

19 commenti:

  1. Risposte
    1. Fai bene ad attenderlo... io invece attendo con piacere il tuo commento :)

      Elimina
  2. Spero di riuscire a recuperarlo... la convalescenza ha i suoi lati negativi, purtroppo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' solo un film, che potrai recuperare quando vorrai... L'importante è che tutto sia andato bene: sarà banale dirlo, ma la salute viene prima di tutto! Auguroni.

      Elimina
  3. Molto interessante, me lo segno. Grazi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei titoli dell'anno. Un anno che promette molto bene...

      Elimina
  4. Da me è miracolasamente arrivato, ma non credevo che fosse un film come l'hai descritto te. Dal manifesto sembra un cinepanettone. Grazie di cuore per la dritta.
    Un abbraccio.
    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, PURTROPPO (sottolineo PURTROPPO) i soliti "geni" del marketing lo hanno spacciato per una commediola frivola e disimpegnata per renderlo appetibile al pubblico delle multisale... non a caso quando l'ho visto io poca gente era consapevole di quello che stava per vedere. Alla fine, però, garantisco che è piaciuto a tutti!

      Elimina
  5. Non ci avrei scommesso nulla, e invece mi sorprendi con un voto di questo genere.
    Vedo di recuperarlo al volo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recuperalo, Ford! E' uno dei film più belli della stagione!

      Elimina
  6. Io ho dei seri problemi con il protagonista Benoit e l'idea di vederlo in versione Dio mi fa passare tutta la voglia di recuperare questo film.. il tuo voto sposta un po' l'ago della bilancia, ma continuo a non avere fretta, con certi attori è più forte di me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò... nemmeno a me stava particolarmente simpatico, complice forse quel filmetto a mio avviso ipocrita e ruffianissimo che è "Emotivi anonimi". Poi però l'ho apprezzato ne "La rançon de la gloire" e anche in "Mammuth". In ogni caso, questo film è bellissimo a prescindere da lui :) ma non voglio metterti fretta! :)

      Elimina
  7. IL cinema belga, nella sua piccola, piccolissima produzione, dimostra di essere una delle cinematografie più vitali. Tanto di cappello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero. Negli ultimi anni dal Belgio sono usciti titoli interessanti e di qualità (pensiamo a The Artist, La quinta stagione, Alabama Monroe - pur non essendomi piaciuto - oltre ovviamente ai Dardenne), e sono solo quelli arrivati qui in Italia... è un buon momento per il "piccolo" cinema belga.

      Elimina
  8. Di Jaco Van Dormael ti consiglio vivamente di recuperare anche il precedente Mr. Nobody (director's cut, possibilmente).

    I miei migliori saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento! Sì, Mr.Nobody è già nella mia "wishlist" :) di Van Dormael finora avevo visto "L'ottavo giorno", tanti anni fa. Ma quello era un film cucito su misura per Auteuil... qui invece si vede il genio, eccome!

      Elimina
  9. Mi ero perso questa tua recensione, e tanto per cambiare mi ero perso anche il film.
    Mi ispira molto e l tuo voto aumenta la curiosità. Di questo regista però recupera "Mr Nobody", davvero spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò sicuramente... prima o poi! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...