martedì 5 gennaio 2016

IL CINEMA CHE VERRA' : DIECI TITOLI DA NON PERDERE DA QUI A PRIMAVERA...

"The Hateful Eight", uno dei film più attesi dell'anno

Anno nuovo, cinema nuovo. Come sempre è il momento di dare un'occhiata a quelli che saranno, presumibilmente, i titoli più interessanti da vedere nei prossimi mesi. E per fortuna c'è l'imbarazzo della scelta... auguriamoci solo che l'attesa sia pari alle aspettative!
Ovviamente mancano in questo pezzo quei film che sono di imminente distribuzione (come Carol, La grande scommessa, Macbeth, The Revenant, La corrispondenza, che usciranno tutti nei prossimi giorni) e di cui, tempo permettendo, spero di scrivere presto le mie recensioni.

Mentre invece aspetterò insieme a voi questi dieci titoli, ognuno con grande curiosità: riuscirà Danny Boyle, ad esempio, a tratteggiare in maniera originale l'ennesima biografia su Steve Jobs? E riuscirà David O. Russell a far vincere un altro oscar alla "sua" Jennifer Lawrence (e magari il primo a Bradley Cooper?). E che dire dei nuovi film di Tarantino, Scorsese e i Coen?
Insomma, l'hype è a mille... buon 2016 e buon cinema a tutti!


STEVE JOBS (di Danny Boyle - uscita prevista: 21 gennaio)
Michael Fassbender come protagonista, Denny Boyle in cabina di regìa e Aaron Sorkin che ha scritto la sceneggiatura: basterebbero questi credits per farci attendere con impazienza la biografia del creatore della Apple, uno degli uomini più influenti dell'ultimo secolo, icona affascinante e positiva di un "capitalismo dal volto umano" che non mancherà di sollevare discussioni. Non perdetelo.



JOY (di David O. Russell - uscita prevista: 21 gennaio)
Altro biopic, genere prediletto dall'Academy Awards, nonchè terzo film consecutivo di David O. Russell con il suo "trio delle meraviglie", ovvero Jennifer Lawrence, Bradley Cooper e Robert De Niro (25 nomination complessive!). La storia è quella di Joy Mangano, la vulcanica inventrice del "mocio" lavapavimenti, oggi madre di tre figli e più energica che mai. L'eclettica Lawrence la interpreta in tre generazioni diverse, dall'adolescenza fino alla maturità e al successo. Sarà di nuovo Oscar?



THE HATEFUL EIGHT (di Quentin Tarantino - uscita prevista: 4 febbraio)
L'ottavo film (anche se non è vero) di Quentin Tarantino assume, come sempre, i crismi dell'evento: western adrenalinico e sopra le righe, con otto personaggi (più uno) per rivisitare a modo suo il genere più amato dagli americani. Dopo Django Unchained sarà ancora capolavoro?



TRUTH (di James Vanderbilt - uscita prevista: 11 febbraio)
La politica, il potere del denaro, il giornalismo "militante" e una spruzzata d'intrigo: l'eterno Robert Redford presta ancora una volta il volto a un giornalista "scomodo", quel Dan Rather che incalzò George W. Bush alla vigilia delle elezioni e lo mise all'angolo pubblicando scottanti retroscena sul suo passato... si annunciano scintille!



THE DANISH GIRL (di Tom Hooper - uscita prevista; 18 febbraio)
La storia vera di Lili Elbe, ovvero la prima persona al mondo che si sottopose volontariamente ad un'operazione di cambio di sesso (era il 1930). Toccante melodramma in costume, ruffiano e patinato come tutti i film di Tom Hooper, ma innegabilmente coinvolgente, apprezzato all'ultima Mostra di Venezia. Eddie Redmayne "rischia"seriamente di vincere il secondo Oscar consecutivo, ma la più brava in assoluto è la bellissima Alicia Vikander.



IL CASO SPOTLIGHT (di Tom McCarthy - uscita prevista: 18 febbraio)
Dopo il passaggio veneziano (con poco clamore, in verità), il film di Tom McCarthy sugli abusi sessuali dei preti sui minori, colpevolmente nascosti dal Vaticano, rischia di fare il pieno ai prossimi Oscar. Classico filmone di denuncia, impegnato e senza fronzoli, che ricostruisce l'inchiesta del piccolo giornale americano Boston Globe, capace nel 2002 di far tremare il pontificato di Karol Wojtyla. Grande cast: Mark Ruffalo, Michael Keaton, Rachel McAdams, Stanley Tucci, Liev Schreiber.



SUFFRAGETTE (di Sarah Gavron - uscita prevista: 3 marzo)
La lotta per il voto alle donne nell'Inghilterra perbenista di inizio '900: la coraggiosa Emmeline Pankhurst è la leader del movimento femminista locale, che lotta come un leone per risvegliare le coscienze di un paese ancora tremendamente conservatore. La interpreta la "regale" Meryl Streep, ma siamo sicuri che anche la bravissima Carey Mulligan non sfigurerà. Aggiungeteci anche un attore "mostruosamente" bravo come Brendan Gleeson e... ci sono tutti i motivi per correre al cinema!



ROOM (di Lenny Abrahamson - uscita prevista: 3 marzo)
Jack, cinque anni, alla scoperta del mondo: segregato insieme alla mamma nella sua camera, entrambi prigionieri del perfido Old Nick, il bimbo scopre che "fuori" esiste la vita vera, riuscendo a scappare...



AVE, CESARE ! (di Ethan e Joel Coen - uscita prevista: 10 marzo)
L'attesissimo ritorno dei fratelli Coen alla commedia grottesca e irriverente, a metà tra noir e ricostruzione storica: nella Hollywood degli anni '50 un produttore cinematografico (Josh Brolin) dovrà scoprire che fine ha fatto l'attore protagonista del film che sta producendo (George Clooney), misteriosamente scomparso durante le riprese...



SILENCE (di Martin Scorsese - uscita prevista: maggio)
A quasi trent'anni da L'ultima tentazione di Cristo, Martin Scorsese torna ad occuparsi di religione e delle persecuzioni contro i cristiani: qui siamo nel Giappone del XVII secolo, dove due giovani gesuiti si scontreranno con l'ostilità delle autorità del Sol Levante. Con Liam Neeson, Andrew Garfield e Adam Driver.



20 commenti:

  1. Grandi titoli, grandi speranze! Cercherò di non perderne nemmeno uno. Ma prima c'è Carol, non dimentichiamolo ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Carol" è già in sala... siamo già nel presente :) e prestissimo, spero, arriverà la recensione!

      Elimina
    2. Visto ieri sera.
      Attendo il tuo parere con curiosità.
      Daniele

      Elimina
    3. ... arriverà prestissimo! :)

      Elimina
  2. Io faccio un tifo sfegatato (ed aprioristico) per Boyle e Sorkin. Anche Suffragette mi intriga non poco (l'ho dimenticato nel mio "listone", ma fortunatamente lo ritrovo nel tuo: giustizia è fatta).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boyle sarà ruffiano, modaiolo, opportunista... ma difficilmente sbaglia un film. E poi Aaron Sorkin è sempre una garanzia.

      Elimina
  3. Una lista coi fiocchi! Ogni anno è sempre una grande emozione al cinema, menomale che ci sono i film a tirarci su!
    Un abbraccio e auguri per uno splendido 2016 cinefilo (e non!)
    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mauro! Ovviamente ricambio... buon 2016!

      Elimina
  4. Ottimi titoli.
    Io ho iniziato l'anno alla grande e mi sono già confrontato con Creed, Hateful e Revenant.
    Ora attendo gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, siamo partiti in quarta... ma ora la parola passa al pubblico!

      Elimina
  5. Boyle e Sorkin, ho già l'acquolina in bocca! La metà per fortuna li ho già visti, ma onestamente non voglio perdermene uno!

    RispondiElimina
  6. Tarantino, Room e il caso Spotlight e Steve Jobs.Spero presto Macbeth prima però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Macbeth", mentre scrivo, è già in sala. A Cannes ha ricevuto giudizi contrastanti: la stampa anglosassone lo ha esaltato, quella internazionale un po' meno... comunque è uno dei titoli di punta di questo inizio anno.

      Elimina
  7. Tarantino e i Coen su tutti. Russell invece ha veramente rotto con la biondina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La "biondina" sarebbe Jennifer Lawrence, vero? Beh, devo dire che in effetti negli ultimi tempi ha un po' stancato anche me per le sue presunte "gaffes" e il suo modo di fare finto-spontaneo, evidentemente costruito... però continua a piacermi moltissimo come attrice, soprattutto per la sua versatilità (qui interpreta lo stesso personaggio in tre epoche diverse, e spero che non si limiti solo al trucco! ;) )

      Elimina
  8. Suffragette l'ho visto al TFF. Brava Carey Mulligan. Film interessante che racconta - in maniera forse un po' troppo "pulita" e/o edulcorata - la lotta delle donne per ottenere il diritto di voto. Nei titoli di coda vengono elencati gli stati e il relativo anno in cui alle donne è stato concesso il voto. Si possono scoprire cose "curiose", tipo che nella civilissima Svizzera le donne votano solo dal 1971...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carey Mulligan è una delle attrici più brave e (purtroppo) "invisibili" della nuova generazione. La adoro. Il film dà anche a me l'idea della "lezioncina", tuttavia lo vedrò con interesse, anche per lo "spunto" che hai suggerito te...

      Elimina
  9. Che bella lista! Li voglio vedere tutti! Auguriii :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...