martedì 19 settembre 2017

DUNKIRK

(id.)
regia: Christopher Nolan (Gb, 2017)
cast: Fionn Whitehead, Tom Glynn-Carney, Jack Lowden, Harry Stiles, Mark Rylance, Tom Hardy, Cillian Murphy, Kenneth Branagh 
sceneggiatura: Christopher Nolan
fotografia: Hoyte Van Hoytema
scenografia: Nathan Crowley
montaggio: Lee Smith
musiche: Hans Zimmer
durata: 106 minuti
giudizio: 

trama:  1940: la Germania nazista invade la Francia e costringe le truppe alleate a ripiegare sulla spiaggia di Dunkerque, vicino al confine belga. Qui i soldati inglesi, ormai accerchiati, cercano disperatamente di tornare in patria via mare aspettando un aiuto dalla Royal Navy. Ma il Primo Ministro Churchill ha deciso che tutte le navi dell'esercito regolare dovranno essere destinate alla difesa del suolo britannico: l'evacuazione di Dunkerque sarà così affidata esclusivamente alle imbarcazioni civili, che attraverseranno volontariamente la Manica per recuperare i loro soldati.  

lunedì 18 settembre 2017

BOX OFFICE (14 - 17 SETTEMBRE 2017)

Cars 3, come da (facile) pronostico sbanca il botteghino settimanale, in un box office ormai dominato dai cartoon. Solo Dunkirk tiene botta superando i 7 milioni di incasso totale, ottimo risultato in considerazione del genere e dell'uscita anticipata (il 31/8, quando ancora faceva un caldo infernale...).

Il risultato più clamoroso di tutti è comunque il mezzo milione di euro raggranellato (in soli tre giorni) dal video del concerto di David Gilmour a Pompei, addirittura quinto incasso della settimana.

sabato 16 settembre 2017

GATTA CENERENTOLA

(id.)
regia: Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone(Italia, 2017)
cast: Massimiliano Gallo, Maria Pia Calzone, Alessandro Gassman, Mariano Rigillo, Renato Carpentieri (voci)
sceneggiatura: Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone, Marianna Garofalo, Corrado Morra, Italo Scialdone
montaggio: Marino Guarnieri, Alessandro Rak
musiche: Antonio Fresa, Luigi Scialdone
durata: 76 minuti
giudizio: 

trama:  La giovane orfana Mia vive prigioniera da 15 anni all'interno di un'immensa nave ormeggiata nel porto di Napoli. Le sue carceriere sono la cattivissima matrigna e le sorellastre, tutte sotto la protezione del perfido boss camorrista Salvatore Lo Giusto (detto 'o Re), che aspetta il diciottesimo compleanno della ragazza per intascarne l'eredità e fare della città partenopea la capitale della droga e della malavita.

giovedì 14 settembre 2017

PAGELLE VENEZIANE : CONCORSO

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri"

Il Leone d'Oro assegnato a The Shape of Water è (finalmente, possiamo dire) il chiaro messaggio che anche ai festival può vincere un film che strizza l'occhio al pubblico, il miglior compromesso tra qualità artistica e possibilità commerciali. Come ho scritto da altre parti, il fantasy di Guillermo Del Toro non era forse il migliore film tra quelli in gara, ma davvero non si può storcere il naso di fronte alla vittoria del bravo regista messicano, al primo premio importante della sua (lunga) carriera. La 74. Mostra del Cinema ha messo in campo il miglior Concorso degli ultimi anni, con tanti titoli ben al di sopra della media (anche se forse è mancato il capolavoro, il film "memorabile", come poteva essere Larraìn l'anno passato). Nel complesso una ventina di titoli (quasi) tutti di buon livello, tra i quali anche l'Italia ha potuto ritagliarsi un ruolo da protagonista.

mercoledì 13 settembre 2017

PAGELLE VENEZIANE : FUORI CONCORSO E SEZIONI COLLATERALI

"Gatta Cenerentola"

La Mostra del Cinema non è mai solo il Concorso principale, e quindi prima delle pagelle "ufficiali" sui film che si sono contesi il Leone d'oro diamo uno sguardo anche alle sezioni collaterali, purtroppo mai "frequentate" come meriterebbero dal sottoscritto per problemi logistici e di tempo (leggi orari accavallati e corse frenetiche da una sala all'altra). Va detto che, almeno per quello che sono riuscito a vedere, quest'anno a fronte di un Concorso con i fiocchi non è corrisposto un livello altrettanto alto nelle altre categorie. Tuttavia è bene segnalare qualche titolo degno di nota...

lunedì 11 settembre 2017

VENEZIA 74 : NELL' EDIZIONE PIU' BELLA TRIONFA LA FAVOLA DI DEL TORO



"The Shape of Water" di Guillermo Del Toro è il Leone d'oro di Venezia 74, degno vincitore di uno dei Concorsi più belli degli ultimi anni. Tanta qualità, tanti titoli interessanti, un palmarès di assoluto rispetto... alla fine trionfa la favola per adulti del regista messicano, forse non il miglior film del lotto ma certo il miglior compromesso tra qualità e botteghino. E va benissimo così.

mercoledì 30 agosto 2017

PAUSA VENEZIANA


Piccole questioni personali mi costringono alla semi-latitanza dal blog: appena sei post in questo mese di agosto: è un periodo un po' così... ma pazienza. Tuttavia anche quest'anno, nonostante tutto e tutti (che esagerazione!), sarò fisicamente presente alla 74. Mostra del Cinema di Venezia: purtroppo non ho tempo per scrivere il solito articolo di presentazione sulla rassegna lidense, ma vi dico che il cartellone messo in piedi di Alberto Barbera si presenta ancora una volta davvero intrigante e all'altezza delle aspettative (almeno sulla carta).

E quindi, come ogni anno, vi dò appuntamento in laguna. Come sempre vado lì per divertimento, passione e relax: non sono un giornalista e non ho intenzione di trascorrere notti insonni davanti al pc, quindi non aspettatevi post con le recensioni "in diretta"... recensirò tutto man mano che i film usciranno in sala e, semmai, scriverò qualche articolo di commento sulla rassegna non appena rientrato a casa. Come ho sempre fatto.

Se però qualche blogger amico si trovasse anch'egli a Venezia e avesse la "malsana" idea di salutarmi di persona...  beh, diciamo che non mi offendo! Anzi, mi farebbe piacere: contattatemi su Facebook (questi i link della PAGINA DEL BLOG e della PAGINA PERSONALE), su Messenger (Sauro Scarpelli) oppure per mail (kriskelvin72@gmail.com) e, nei limiti del possibile, cercheremo di scambiare due chiacchiere insieme.
Ci vediamo a Venezia!

mercoledì 23 agosto 2017

MONOLITH

(id.)
regia: Ivan Silvestrini (Italia/Usa, 2017)
cast: Katrina Bowden
sceneggiatura: Ivan Silvestrini, Elena Bucaccio, Stefano Sardo, Mauro Uzzeo
fotografia: Michael Fitzmaurice
scenografia: Chris Scharffenberg
montaggio: Lorenzo Muto
musiche: Diego Buongiorno
durata: 83 minuti
giudizio: 

trama:  Un bimbo di due anni rimane chiuso accidentalmente nell'abitacolo di una supermacchina inaccessibile dall'esterno. La madre, sola in mezzo al deserto e senza le chiavi, dovrà escogitare un modo per aprire le portiere prima che il piccolo muoia soffocato dal caldo infernale...

giovedì 17 agosto 2017

PATERSON

(id.)
regia: Jim Jarsmusch (Usa, 2016)
cast: Adam Driver, Golshifteh Farahani
sceneggiatura: Jim Jarmusch
fotografia: Frederick Elmes
scenografia: Mark Friedberg
montaggio: Affonso Goncalves
durata: 112 minuti
giudizio: 

trama:  Paterson è nato e vive a Paterson, dove lavora come autista. Ogni giorno trasporta sull'autobus i suoi concittadini, osservando la città e traendo spunto per le sue poesie, che scrive nei ritagli di tempo. A "salvarlo" dall'amata routine, a casa, c'è la moglie Laura, dolce e vitale: insieme condividono le piccole gioie e i problemi quotidiani. Sempre, per quanto possibile, con il sorriso sulle labbra...  

venerdì 11 agosto 2017

UN RE ALLO SBANDO

(King of the Belgians)
regia: Peter Brosens, Jessica Woodworth (Belgio, 2016)
cast: Peter Van den Begin, Lucie Debay, Titus De Voogdt, Bruno Georis
sceneggiatura: Peter Brosens, Jessica Woodworth
fotografia: Ton Peters
scenografia: Daniel Emart
montaggio: David Verdurme
durata: 94 minuti
giudizio: 

trama:  Durante una visita ufficiale in Turchia il Re del Belgio Nicolas III viene a conoscenza della scissione della Vallonia, autoproclamatasi indipendente. Costretto a rientrare precipitosamente in patria insieme ai suoi collaboratori per cercare di scongiurare la crisi politica, sarà costretto ad affrontare un viaggio di ritorno tutt'altro che agevole attraverso le frontiere dell' Est Europa...

martedì 8 agosto 2017

IL VIAGGIO

Da oggi e per tutto agosto, causa scarsità dell'offerta per il cinema in sala, spazio a qualche piccolo ma dignitosissimo film che ha avuto scarsa distribuzione durante la stagione scorsa e che "recuperiamo" volentieri...

IL VIAGGIO
(The journey)
regia: Nick Hamm (Gb/Irlanda, 2016)
cast: Timothy Spall, Colm Meaney, John Hurt, Toby Stephens
sceneggiatura: Colin Bateman
fotografia: Greg Gardiner
scenografia: Noel Aherne
montaggio: Chris Gill
musiche: Stephen Warbeck
durata: 94 minuti
giudizio: 

trama:  Scozia, 2006. Sotto l'egida del primo ministro britannico Tony Blair si cerca di trovare un difficile accordo che ponga fine alle ostilità tra cattolici e protestanti in Irlanda del Nord. I leader delle rispettive fazioni, il repubblicano Martin McGuinness e il predicatore Ian Paisley (che non si parlano da trent'anni) saranno costretti dal destino ad intraprendere un viaggio in auto che cambierà la storia dei loro popoli.

martedì 1 agosto 2017

IL CINEMA CHE VERRA' : I DIECI FILM IMPERDIBILI DA QUI ALL' AUTUNNO

"Dunkirk", di Christopher Nolan


Agosto, come sempre mese di transizione: la gente va al mare, le sale si svuotano, il cinema diventa davvero fabbrica di sogni, nel senso che si sogna già la prossima stagione... stagione che quest'anno comincia prestissimo e alla grande, perchè già dal 31 potremo ammirare Dunkirk di Christopher Nolan, ovvero uno dei titoli più attesi (se non il più atteso) in assoluto.

"L'inganno", di Sofia Coppola
Ma che annata sarà? Sulla carta appetitosa: assisteremo al ritorno di grandi autori (Allen, Haneke, Soderbergh, Besson, Bigelow, Sofia Coppola), all'ennesimo profluvio di cartoni animati (Cattivissimo Me, Minions), all'altrettanto ennesima invasione di supereroi (Thor, Justice League, Il ragazzo invisibile di Salvatores), nonchè a remake da far tremare i polsi (Blade Runner 2049...) Noi speriamo soprattutto in una stagione che riporti la gente al cinema (dopo il profondo rosso di quest'anno) e in un pronto riscatto commerciale e qualitativo del cinema italiano, perchè ce n'è tanto bisogno, per mille motivi.

Ma speriamo, soprattutto, in tanto tanto buon cinema, di quello che ci riconcilia con la settima arte. Questi sotto sono solo alcuni esempi di film che mi sentirei di consigliare ad occhi chiusi, e che dovrebbero piacevolmente accompagnarci fino all'autunno, passando per Venezia e dintorni.
Segnatevi i titoli: ne riparleremo presto!

giovedì 27 luglio 2017

L' EREDITA' DI FANTOZZI (VILLAGGIO GLOBALE)

Fa impressione rendersi conto che Fantozzi se n'e andato. O meglio, se n'è andato il suo creatore Paolo Villaggio, ma non il suo alter ego: perchè Fantozzi in tutti questi anni è cresciuto con noi, come un vecchio amico (o meglio, come un collega d'ufficio... visto l'argomento), facendoci credere che ci fosse sempre stato. Una di quelle figure familiari, che sembrano non invecchiare mai e che invece, dopo più di quarant'anni (e dopo una visione casalinga recentissima, per l'occasione) ci fanno inesorabilmente prendere coscienza del tempo che passa.

Sì, perchè devo dire la verità: l'altra sera ho rivisto Fantozzi, e non ho fatto nemmeno una risata. Nemmeno una.

martedì 25 luglio 2017

SULL' ORLO DI UNA CRISI DI NETFLIX...


Il bubbone è scoppiato al Festival di Cannes, e non è stato affatto indolore. Penso che tutti avrete letto le cronache: dopo la proiezione del film coreano Okja, e dopo il rifiuto di Netflix (in veste di produttore) di distribuire il film in sala ma di metterlo subito in rete a disposizione dei suoi abbonati, la giuria del Festival ha deciso di vietare per regolamento, a partire dall'anno prossimo, film in concorso che non prevedano specificatamente la distribuzione nei cinema. Apriti cielo! Pedro Almodovar, leader degli "integralisti" insieme a Chrstopher Nolan, ha subito applaudito il provvedimento. Altri invece, tra i quali Will Smith, hanno bollato la decisione come "donchisciottesca" e poco al passo coi tempi...

Non è una questione di lana caprina. Sono in ballo miliardi dollari e migliaia di posti di lavoro. Di più: è in ballo forse il futuro del cinema stesso, almeno per come siamo abituati a pensarlo adesso. Chiariamo una cosa: nessuno vuole demonizzare Netflix (che, anzi, rappresenta una valida alternativa allo streaming illegale), c'è da chiedersi semmai quali siano i fattori che hanno portato alla nascita di Netflix e come questo ha potuto diffondersi a macchia d'olio, soprattutto in America. In pochi sanno che Netflix esiste ormai da vent'anni ed ha attraversato diverse "ere geologiche": nata come semplice catena di videonoleggio, si è prima riciclata come piattaforma di noleggio film e dischi a domicilio (anticipando i tempi ed evitando la crisi, cosa che non ha invece saputo fare il suo rivale Blockbuster) per poi specializzarsi nel download legale a pagamento.

Oggi Netflix  è un colosso che opera in tutto il mondo, dà lavoro a 3.500 persone, ha un fatturato annuo che sfiora i 10 miliardi di dollari e può contare su oltre 50 milioni di abbonati. Capite bene che con queste cifre è piuttosto facile condizionare il mercato cinematografico, e infatti i nodi sono venuti subito al pettine... Netflix è ormai un'alternativa alla sala cinematografica, è entrato nelle case della gente, ha allargato a dismisura la fruizione, ha dato la possibilità ai cinefili incalliti di poter vedere film mal distribuiti o addirittura inediti, il tutto a un prezzo irrisorio: l'abbonamento a Netflix costa circa 8 euro al mese (ripeto: al mese!) e puoi vedere tutto quello che vuoi, mentre un biglietto del cinema costa la stessa cifra (quando va bene) per un solo spettacolo.

E' chiaro che siamo di fronte a una rivoluzione epocale nella storia dell'audiovisivo. La svolta si è avuta quando Netflix ha deciso di diventare oltre che distributore anche produttore dei suoi film. Film destinati esclusivamente alla distribuzione in rete, senza il passaggio preventivo in sala (anche per aggirare le leggi "proibizioniste" dei vari paesi che fissano un periodo di "embargo" prima di distribuire in home video un film uscito al cinema. In Francia ad esempio, il paese più restrittivo, il divieto è fissato a 36 mesi). Niente di illegale, s'intende, e tutto alla luce del sole. Una svolta che però rischia di mettere in crisi le sale cinematografiche di tutto il pianeta...

La domanda è: voi da che parte state? Siete "luddisti" come Almodovar o progressisti come Will Smith ? (il quale afferma tranquillamente che "per i miei figli è del tutto naturale fruire il cinema al di fuori della sala cinematografica...") . Non è una domanda facile, e vi confesso che io mi pongo (contrariamente alla mia indole) tra i "conservatori". Insomma, non sono un talebano e non grido all'untore, però trovo molto pericolosa questa deriva verso un consumo "domiciliare" del prodotto filmico... intendiamoci: Netflix è l'effetto e non la causa di questa situazione. Non ha nessuna colpa. La colpa è da ascriversi alla maleducazione del pubblico (nel senso letterale del termine, ovvero non più abituato alla visione in sala) che fa sì che per un adolescente vedere un film al cinema, in tv, sul pc o sul cellulare è esattamente la stessa cosa. Si è perso il gusto del ritrovarsi e andare al cinema, di considerare la sala cinematografica come il luogo deputato per vedere un film.

Io questa cosa la trovo molto triste.
Certo, è chiaro che il cinema non sparirà (come sostengono i consumatori di Netflix), ma di questo passo sparirà la cultura cinematografica, sparirà il carattere pubblico del cinema, inteso come condivisione e aggregazione. Sparirà la magia del cinema stesso. Perchè tra vedere Dunkirk in una sala IMAX con uno schermo da 50 metri e vederlo sullo schermo di un computer c'è la stessa differenza che tra guidare una Ferrari e una Panda... ma vallo a spiegare ai ragazzini che con 8 euro al mese hanno un modo che si spalanca davanti a loro.
E probabilmente hanno ragione loro, ma non sono per nulla contento.

venerdì 21 luglio 2017

TIRANDO LE SOMME : COMMENTO "RAGIONATO" ALLA STAGIONE 2016 - 2017

"La Bella e la Bestia"
L'anno del dopo-Zalone diventa l' annus horribilis del box-office italiano. Certo, si sapeva che l' exploit del comico pugliese avrebbe "drogato" il mercato e che le cifre della scorsa stagione sarebbero state irripetibili, ma alla resa dei conti il bilancio 2016/17 è nettamente il peggiore degli ultimi cinque anni...

mercoledì 19 luglio 2017

STAGIONE 2016 - 2017 : I "FLOP" DELL'ANNO

"Equals", di Drake Doremus
Da Drake Doremus a Terrence Malick, da Mel Gibson a Derek Cianfrance: come al solito la lista delle delusioni dell'anno non fa sconti a nessuno, dai talenti emergenti (o presunti tali) fino vecchi leoni, "mostri sacri"compresi.

Con la precisazione di sempre: non ci sono in questa classifica film inguardabili o davvero brutti, ma titoli che per un motivo o per un altro non hanno rispettato le attese della vigilia oppure, come nel caso di Gibson, pur tecnicamente validissimi sono inaccettabili dal punto di vista etico (datemi pure del bigotto, se volete, ma penso che le cose vadano chiamate con il loro nome: quello di Gibson è fascismo allo stato puro...)

Ecco quindi i sette flop della stagione che si va a chiudere, scelti secondo il mio modestissimo parere e verso i quali mi aspetto già le vostre critiche: ma del resto il bello delle classifiche è proprio questo, quello di discutere e confrontarsi (civilmente, s'intende). Son qui apposta!

lunedì 17 luglio 2017

STAGIONE 2016 - 2017 : I "TOP" DELL'ANNO


No, non è un errore. E nemmeno piaggeria. Semplicemente, la stagione 2016/2017 ha consacrato Pablo Larraìn come il più grande Autore della sua generazione (quella dei quarantenni o giù di lì), piazzando in pochi mesi una doppietta da brividi: prima l'affascinante e colto Neruda, spartiacque ed epilogo della propria carriera in patria, poi il meraviglioso Jackie, primo film "americano" e primo capolavoro oltreoceano. Non (mi) era mai successo di inserire due film dello stesso regista ai primi due posti della classifica stagionale, ai quali bisogna poi aggiungere il podio conquistato lo scorso anno con Il Club. La conferma, appunto, di un talento cristallino ormai arrivato forse ai suoi massimi livelli. E non c'è dubbio che da ora in avanti la vera sfida per Larraìn sarà quella di continuare a girare film belli come questi... lo aspettiamo al varco!

sabato 15 luglio 2017

THE WAR : IL PIANETA DELLE SCIMMIE

(War for the Planet of the Apes)
regia: Matt Reeves (Usa, 2017)
cast: Andy Serkis, Woody Harrelson, Steve Zahn, Karin Kornoval, Amiah Miller
sceneggiatura: Matt Bomback, Matt Reeves
fotografia: Michael Seresin
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: William Hoy
musiche: Michael Giacchino
durata: 142 minuti
giudizio: 

trama:  La guerra tra uomini e scimmie è giunta ormai all'epilogo: quando le truppe umane, guidate dallo spietato colonnello McCullogh, scoprono e distruggono il rifugio di Cesare, quest'ultimo si metterà sulle sue tracce meditando vendetta. Da questo scontro dipenderanno i destini delle rispettive etnie e del pianeta stesso.

giovedì 13 luglio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (13 - 19 LUGLIO)

Ultimo vero blockbuster dell'estate, Il "nuovo" Pianeta delle Scimmie segna davvero la fine della stagione cinematografica in corso: dalle prossime settimane sarà ormai tempo di anteprime e nuove proposte per l'annata a venire. E in questo assolato weekend c'è spazio anche per un Paul Schrader d'annata e qualche altro scialbo thriller estivo...

martedì 11 luglio 2017

POSSESSION (NOTTE HORROR 2017)


E anche per quest'anno, il quarto consecutivo, la "notte horror" torna su SOLARIS e su tutti i blog "amici"  che aderiscono a questa bella iniziativa: l'estate, si sa, è tempo di brividi... e allora come non invogliarvi a "rabbrividire" insieme a noi recuperando qualcuno di questi film? La formula è sempre la stessa: ogni martedì (tradizionalmente il giorno caro a Zio Tibia) due recensioni su due blog diversi a due orari diversi (le 21 e le 23). La scaletta la potete vedere nel banner lungo in coda a questa recensione. SOLARIS partecipa quest'anno con una pellicola a dir poco "maledetta", uno dei film più censurati e disturbanti del cinema moderno, che ho visionato per la prima volta per questa occasione...

lunedì 10 luglio 2017

BOX OFFICE (6 - 9 LUGLIO 2017)

L'ultimo box office stagionale (prima del "riepilogone" di fine anno) vede ovviamente in vetta Spiderman, con un incasso più che dignitoso visti i tempi... per il resto tutto come prima: posizioni praticamente congelate alla settimana scorsa.

giovedì 6 luglio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (6 - 12 LUGLIO)

Appena due film in uscita nel weekend, con una stagione estiva che volge al termine in pratica ancora prima di cominciare: uno è l'ennesimo cinecomic di questa stanchissima estate (stavolta tocca all' Uomo Ragno provare a farsi strada al botteghino), l'altro è un assurdo remake "all'amatriciana" di Fast and Furious... talmente ignobile che non merita nemmeno sprecare troppe parole.

Ormai manca all'appello solo Il Pianeta delle Scimmie (uscirà la prossima settimana) e poi potremo finalmente tirare i conti di quest'annata...

martedì 4 luglio 2017

CIVILTA' PERDUTA

(The lost city of Z)
regia: James Gray (Usa, 2016)
cast: Charlie Hunnam , Sienna Miller, Robert Pattinson, Tom Holland, Angus McFayden, Franco Nero
sceneggiatura: James Gray
fotografia: Darius Khondji
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: John Axelrad
musiche: Christopher Spelman
durata: 141 minuti
giudizio: 

trama:  Gran Bretagna, 1906. Il colonnello Percy Fawcett riceve l'ordine di effettuare per conto del governo dei rilievi cartografici nella foresta amazzonica, al confine tra Brasile e Bolivia. Assieme a uno sparuto gruppo di collaboratori risalirà il Rio Verde fino alla sorgente, dove s'imbatterà in degli strani resti archeologici che testimonierebbero l'esistenza di una misteriosa città perduta, la cui civiltà sembrerebbe essere più antica addirittura dell'epoca dei conquistatori...

lunedì 3 luglio 2017

BOX OFFICE (29 GIUGNO - 2 LUGLIO 2017)

Incredibile Vasco anche al cinema: il mega-concerto del rocker emiliano, proiettato in diretta in 227 sale selezionate, fa registrare l'incasso "monstre" di 743mila euro in un solo giorno, in pratica il triplo di Transformers!

Cinquantamila spettatori che si vanno ad aggiungere ai 220mila del Modena Park e ai 5,5 milioni di persone che si sono goduti l'evento in tv su RaiUno, numeri da capogiro che confermano l'immenso affetto del pubblico nei suoi confronti.  Davvero nessuno come lui...

sabato 1 luglio 2017

L'INFANZIA DI UN CAPO

(The childhood of a leader)
regia: Brady Corbet (Gb, 2015)
cast: Tom Sweet, Berenice Bejo, Liam Cunningham, Robert Pattinson, Stacy Martin, Yolande Moreau 
sceneggiatura: Brady Corbet, Mona Fastvold
fotografia: Lol Crawley
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: David Jancso
musiche: Scott Walker
durata: 115 minuti
giudizio: 

trama:  Il racconto in tre capitoli (corrispondenti ad altrettanti scatti d'ira) dell'infanzia del piccolo Prescott, ragazzino vessato da una famiglia bigotta e conservatrice, e destinato a diventare un futuro dittatore... 

giovedì 29 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (29 GIUGNO - 5 LUGLIO)

Aggiungi didascalia
Un filmone bistrattato dalla critica, due interessanti recuperi di opere minori e l'ennesimo reboot di Godzilla sono le proposte cinefile della settimana.

C'è curiosità per l'ultimo film di Sean Penn, letteralmente massacrato al Festival di Cannes dagli addetti ai lavori e (solo) adesso in uscita nelle nostre sale.

Per andare sul sicuro però vi consiglio caldamente il debutto alla regìa di Brady Corbet, che con L'infanzia di un capo ci regala un dissacrante (e raggelante) ritratto di un dittatore in erba, passato con successo a Venezia 2015. Mentre mi sentirei di dare una possibilità a Ninna Nanna, della coppia Dario Germani ed Enzo Russo, su un tema delicato come la depressione post-parto. Lo interpreta la brava Francesca Inaudi, ed è già un bel biglietto da visita.

martedì 27 giugno 2017

LIEBSTER AWARD 2017


Ancora un premio, l'ennesimo, per SOLARIS ! Per il quinto anno consecutivo infatti mi ritrovo insignito del prestigioso Liebster Award, ambìto riconoscimento (sul serio! almeno per me...) che viene assegnato dai colleghi blogger che condividono con te la stessa passione, allo scopo di farsi conoscere e far scoprire qualcosa di più su loro stessi nella blogsfera. E come non ringraziare dunque la gentilissima Giulietta94, ovvero La collezionista di biglietti (che come l'anno scorso è stata la prima a ricordarsi di me!) nonchè Alfonso Maiorino di Non c'è paragone Stephania Loop di Delicatamente perfido, Frank R. di Combinazione Casuale, e anche l'amico Marco Contin de La Stanza di Gordie, ultima felicissima scoperta! Va detto che in genere non amo molto le "catene", ma in questo caso faccio una piacevole eccezione proprio perchè, appunto, tutto il giochino è finalizzato a un lodevolissimo intento...

lunedì 26 giugno 2017

BOX OFFICE (22 - 25 GIUGNO 2017)

Volano i Transformers di Michael Bay, malgrado il caldo record e la durata non proprio leggera del film (148 minuti), indice di una grossa affezione e fidelizzazione del pubblico per questo tipo di format. Peccato invece per il bravo James Gray, regista talentuoso e sempre sottovalutato, che con il suo nuovo Civiltà Perduta non raggiunge i 200mila euro, pur con una media/scherno dignitosa.

Continua a sorprendere invece l'indipendente Nerve, che in pratica solo con il passaparola del pubblico è già arrivato a quota 750mila euro, risultato assolutamente inaspettato alla vigilia.

venerdì 23 giugno 2017

HAPPY END

(id.)
regia: Michael Haneke (Francia/Austria/Germania, 2017)
cast: Jean-Louis Trintignant, Mathieu Kassovitz, Fantine Harduin, Isabelle Huppert, Franz Rogowski 
sceneggiatura: Michael Haneke
fotografia: Christian Berger
scenografia: Amy Jane Lockwood, Anthony Neale
montaggio: Monika Willi 
durata: 110 minuti
giudizio: 

trama:  Le (poche) virtù e le (molte) disgrazie di una famiglia borghese del nord della Francia, apparentemente irreprensibile eppure dilaniata da faide interne: tra padri anaffettivi, mariti fedifraghi, figli (e figlie) disadattati e inquietanti, un capo di famiglia luciferino e stanco di vivere, si consuma la disgregazione dei rapporti umani e, più in generale, di una società occidentale opulenta e sorda ormai arrivata al capolinea.

mercoledì 21 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (22 - 28 GIUGNO)

Arriva Transformers 5, e sulla stagione cinematografica cala il sipario... il nuovo kolossal di Michael Bay è in pratica l'ultimo titolo atteso dell'anno, l'unico ancora in grado di scalare le classifiche.

Per il resto, solo fondi di magazzino (c'è perfino un Lelouch di tre anni fa) e film anche interessanti ma gettati dissennatamente in pasto alla calura estiva: su Civiltà perduta, del grande James Gray (vi ricordate de I padroni della notte?) scommetterei ad occhi chiusi.

lunedì 19 giugno 2017

BOX OFFICE (15 - 18 GIUGNO 2017)

C'è poco da commentare: i numeri parlano da soli. Sale deserte, blockbuster senz'anima e tanti fondi di magazzino non possono far decollare una stagione estiva che, ancora una volta, finisce ancora prima di iniziare.

Adesso si attende solo Transformers 5, l'ultimo vero film da grande pubblico, e poi... tutti al mare (ma prima ci sarà il mio solito rendiconto dell'annata, stay tuned!)

sabato 17 giugno 2017

SOGNARE E' VIVERE

(A tale of love and darkness)
regia: Natalie Portman (Israele/Usa, 2015)
cast: Natalie Portman, Amir Tessler, Gilad Kahana
sceneggiatura: Natalie Portman
fotografia: Slawomir Idziak
scenografia: Arad Sawat
montaggio: Andrew Mondshein, Hervè Schneid 
musica: Nicholas Britell
durata: 96 minuti
giudizio: 

trama:  Negli anni '30, la giovane ebrea Fania emigra in Palestina insieme al padre, il marito e il piccolo Amos, suo figlio, per sfuggire alle persecuzioni naziste. Qui assisterà alla nascita di una nazione (Israele) e a un nuovo inizio per il suo popolo. Ma la sua vita privata non andrà affatto a gonfie vele: delusa da un matrimonio infelice e soffocata nelle sue ambizioni letterarie, sfogherà la sua creatività trasmettendo la sua passione al figlio, prima di cadere in depressione.

giovedì 15 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (15 - 21 GIUGNO)

Una di quelle settimane in cui fai davvero fatica a consigliare qualcosa, non essendo uscito neppure il blockbuster di turno... non ci resta che il  nuovo film di Tom Tykwer (uno che da vent'anni cerca, invano, di bissare il successo del suo esordio, Lola corre) e il debutto nella fiction (a ottantuno anni!) della moglie di Francis F. Coppola. Per il resto, davvero poco da segnalare.

lunedì 12 giugno 2017

BOX OFFICE (8 - 11 GIUGNO 2017)

La Mummia, pur con incassi non proprio esaltanti, guadagna la vetta del box office settimanale. Ma a sorridere è ancora una volta Pirati dei Caraibi, che con il milioncino raggranellato nel weekend si porta a un passo dalla top ten assoluta: vacilla dunque il decimo posto di Ficarra e Picone, unico film italiano ancora presente.

Continua invece la scarsa affezione del pubblico verso Wonder Woman: due milioni e mezzo alla seconda settimana di programmazione non sono numeri soddisfacenti per un blockbuster di tale portata. Curioso che questa pellicola abbia avuto successo ovunque tranne che da noi...

sabato 10 giugno 2017

SETTE MINUTI DOPO LA MEZZANOTTE

(A monster calls)
regia: Juan Antonio Bayona (Usa/Spagna, 2017)
cast: Lewis MacDougall, Felicity Jones, Sigourney Weaver, Liam Neeson (voce)
sceneggiatura: Patrick Ness
fotografia: Oscar Faura
scenografia: Eugenio Caballero
montaggio: Jaume Martì, Bernat Vilaplana
musica: Fernando Velazquez
durata: 108 minuti
giudizio: 

trama:  Il dodicenne Connor, bullizzato a scuola e represso da una nonna severa e anaffettiva, deve affrontare il dramma della madre malata terminale di cancro. Il suo unico sollievo sarà l'incontro con una creatura mostruosa (ma saggia) che si materializza ogni sera sette minuti dopo la mezzanotte... 

giovedì 8 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (8 - 14 GIUGNO)


Il blockbuster della settimana è senza dubbio La Mummia, nel nuovo adattamento interpretato da Tom Cruise e Russell Crowe. Ma i film da consigliare (e da cercare, vista la probabile scarsissima distribuzione) sono il romeno Sieranevada, acclamatissimo a Cannes 2017, e il debutto alla regia della bella, brava e impegnata Natalie Portman.

Il suo film, Sognare è vivere, esce solo adesso dopo oltre due anni, ma siamo sicuri che ne varrà la pena. Potete scommetterci!

lunedì 5 giugno 2017

BOX OFFICE (1 - 4 GIUGNO 2017)

Pirati dei Caraibi batte Wonder Woman per k.o. tecnico. I dati del botteghino sono senza appello: nonostante la seconda settimana di programmazione (contro un' uscita "fresca") Jack Sparrow e soci doppiano l'eroina della DC Comics. Nemmeno la presenza, tutt'altro che impalpabile, della splendida Gal Gadot riesce a scalfire il dominio dei "pirati": la coppia Johnny Depp / Javier Bardem è pressochè invincibile, a testimonianza che il pubblico femminile è ancora di gran lunga predominante nelle nostre sale...

Non solo: Wonder Woman soccombe anche nei confronti del pessimo Baywatch, che ha una media/schermo nettamente migliore: testosterone a parte, onestamente non ce l'aspettavamo. A dimostrazione che non basta solo confezionare un blockbuster tratto da un fumetto famoso per avere successo al box-office. Sarebbe fin troppo facile.

sabato 3 giugno 2017

SCAPPA - GET OUT

(Get Out)
regia: Jordan Peele (Usa, 2017)
cast: Daniel Kaluuya, Allison Williams, Bradley Whitford, Catherine Keener, Lil Rel Howery
sceneggiatura: Jordan Peele
fotografia: Toby Oliver
scenografia: Rusty Smith 
montaggio: Gregory Plotkin
musica: Michael Abels
durata: 104 minuti
giudizio: 

trama:  Dopo cinque mesi di relazione, per il nero Chris è arrivato il momento di conoscere i genitori di Rose, la sua compagna. La cosa gli crea un po' di apprensione perchè la ragazza (bianca) non ha mai detto ai suoi di essere fidanzata con un uomo di colore. Al loro arrivo Chris è accolto molto bene dai futuri suoceri, in apparenza aperti e disponibili. Tuttavia, in quella grande casa solitaria, immersa nel bosco, il ragazzo avverte una sottile inquietudine che non lo fa stare per niente tranquillo...  

giovedì 1 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (1 - 7 GIUGNO)

Un fumettone classico e un giocattolone innocuo sono i titoli "di punta" (sic!) di una stagione che ormai volge al termine senza sussulti. Così, tra Wonder Woman e Baywatch, gli unici titoli guardabili paiono essere due film francesi gettati in pasto alla calura estiva...

giovedì 25 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (25 - 31 MAGGIO)

Ormai da qui all'estate il copione sarà sempre lo stesso: un blockbuster ogni settimana e un manipolo di titoli che usciranno in pochissime copie e che nessuno riuscirà a vedere malgrado le sale sempre più vuote... il lento stillicidio dell'estate cinematografica italiana si consuma così da tempi remoti, malgrado le cicliche dichiarazioni di intenti dei politici e distributori di turno, sempre regolarmente smentite.

Spazio dunque in questo weekend al quinto episodio di Pirati dei Caraibi, con un Johnny Depp ormai icona di se stesso e con i panni di Jack Sparrow cuciti addosso. Per i cinefili ci sarebbe invece il giapponese Ritratto di famiglia con tempesta, ammesso di riuscire a trovare una sala che lo programmi. Potrebbe valerne la pena.

lunedì 22 maggio 2017

BOX OFFICE (18 - 21 MAGGIO 2017)

Sorride solo Sergio Castellitto con i dati del botteghino settimanale: il suo film, Fortunata, uscito eccezionalmente di sabato in contemporanea con il Festival di Cannes, supera i 400mila euro in soli due giorni di programmazione: di questi tempi è grasso che cola...

Non pervenuti (o quasi) tutti gli altri: Alien Covenant mantiene la vetta della classifica, ma con appena 542mila euro di incasso (2 milioni finora il risultato complessivo, una miseria per un blockbuster di tale portata) mentre si difende l'horror Scappa, Get Out che ottiene la media/schermo più alta della settimana. Pessimo invece il risultato di The Dinner: evidentemente nemmeno la presenza di Richard Gere è ormai sufficiente per distogliere il pubblico dal richiamo delle spiagge...

sabato 20 maggio 2017

GHOST IN THE SHELL

(id.)
regia: Rupert Sanders (Usa, 2017)
cast: Scarlett Johansson, Juliette Binoche, Philou Asbaek, Takeshi Kitano, Michael Pitt
sceneggiatura: Jamie Moss, William Wheeler
fotografia: Jess Hall
scenografia: Jan Roelfs
montaggio: Neil Smith, Billy Rich
musica: Clint Mansell, Lorne Balfe
durata: 106 minuti
giudizio: 

trama:  A causa di un terribile incidente il maggiore Mira Killan, capo della sezione 9 dell'Unità di Antiterrorismo Informatico, viene trasformata in un cyborg dotato di intelligenza e forza fuori del comune. Il suo compito sarà quello di scovare e uccidere il perfido Kuze, un pericoloso criminale capace di controllare le menti cibernetiche e assumerne il controllo totale. Ma mentre si trova sulle tracce del malvivente, la vita privata di Mira sarà sconvolta da un'atroce rivelazione...

giovedì 18 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (18 - 24 MAGGIO)

Uscite apparentemente poco appetitose nella settimana entrante, in realtà con più di un motivo d'interesse: si comincia con Fortunata di Sergio Castellitto (a Cannes nella sezione Un certain regard) per proseguire con The Dinner e l'horror Scappa, Get Out, a loro modo due pellicole figlie dei nostri tempi problematici.

Curiosità anche per lo spagnolo Sette minuti dopo la mezzanotte, buon thriller per ragazzi campione d'incassi e pluripremiato in Spagna.

martedì 16 maggio 2017

SONG TO SONG

(id.)
regia: Terrence Malick (Usa, 2017)
cast: Michael Fassbender, Ryan Gosling, Rooney Mara, Natalie Portman, Cate Blanchett, Holly Hunter, Patti Smith, Val Kilmer
sceneggiatura: Terrence Malick
fotografia: Emmanuel Lubezki
scenografia: Jack Fisk
montaggio: A.J. Edwards, Keith Fraase, Hank Corwin, Rehman Nizar Ali
musica: Lauren Mikus
durata: 129 minuti
giudizio: 

trama:  Austin, Texas: la giovane Faye, aspirante musicista, s'innamora del "collega" BV, pur essendo (pare) ancora legata sentimentalmente al ricco e subdolo Cook, potente produttore discografico, il quale a sua volta corteggia l'ingenua Rhonda, cameriera in un fast food...