martedì 25 luglio 2017

SULL' ORLO DI UNA CRISI DI NETFLIX...


Il bubbone è scoppiato al Festival di Cannes, e non è stato affatto indolore. Penso che tutti avrete letto le cronache: dopo la proiezione del film coreano Okja, e dopo il rifiuto di Netflix (in veste di produttore) di distribuire il film in sala ma di metterlo subito in rete a disposizione dei suoi abbonati, la giuria del Festival ha deciso di vietare per regolamento, a partire dall'anno prossimo, film in concorso che non prevedano specificatamente la distribuzione nei cinema. Apriti cielo! Pedro Almodovar, leader degli "integralisti" insieme a Chrstopher Nolan, ha subito applaudito il provvedimento. Altri invece, tra i quali Will Smith, hanno bollato la decisione come "donchisciottesca" e poco al passo coi tempi...

Non è una questione di lana caprina. Sono in ballo miliardi dollari e migliaia di posti di lavoro. Di più: è in ballo forse il futuro del cinema stesso, almeno per come siamo abituati a pensarlo adesso. Chiariamo una cosa: nessuno vuole demonizzare Netflix (che, anzi, rappresenta una valida alternativa allo streaming illegale), c'è da chiedersi semmai quali siano i fattori che hanno portato alla nascita di Netflix e come questo ha potuto diffondersi a macchia d'olio, soprattutto in America. In pochi sanno che Netflix esiste ormai da vent'anni ed ha attraversato diverse "ere geologiche": nata come semplice catena di videonoleggio, si è prima riciclata come piattaforma di noleggio film e dischi a domicilio (anticipando i tempi ed evitando la crisi, cosa che non ha invece saputo fare il suo rivale Blockbuster) per poi specializzarsi nel download legale a pagamento.

Oggi Netflix  è un colosso che opera in tutto il mondo, dà lavoro a 3.500 persone, ha un fatturato annuo che sfiora i 10 miliardi di dollari e può contare su oltre 50 milioni di abbonati. Capite bene che con queste cifre è piuttosto facile condizionare il mercato cinematografico, e infatti i nodi sono venuti subito al pettine... Netflix è ormai un'alternativa alla sala cinematografica, è entrato nelle case della gente, ha allargato a dismisura la fruizione, ha dato la possibilità ai cinefili incalliti di poter vedere film mal distribuiti o addirittura inediti, il tutto a un prezzo irrisorio: l'abbonamento a Netflix costa circa 8 euro al mese (ripeto: al mese!) e puoi vedere tutto quello che vuoi, mentre un biglietto del cinema costa la stessa cifra (quando va bene) per un solo spettacolo.

E' chiaro che siamo di fronte a una rivoluzione epocale nella storia dell'audiovisivo. La svolta si è avuta quando Netflix ha deciso di diventare oltre che distributore anche produttore dei suoi film. Film destinati esclusivamente alla distribuzione in rete, senza il passaggio preventivo in sala (anche per aggirare le leggi "proibizioniste" dei vari paesi che fissano un periodo di "embargo" prima di distribuire in home video un film uscito al cinema. In Francia ad esempio, il paese più restrittivo, il divieto è fissato a 36 mesi). Niente di illegale, s'intende, e tutto alla luce del sole. Una svolta che però rischia di mettere in crisi le sale cinematografiche di tutto il pianeta...

La domanda è: voi da che parte state? Siete "luddisti" come Almodovar o progressisti come Will Smith ? (il quale afferma tranquillamente che "per i miei figli è del tutto naturale fruire il cinema al di fuori della sala cinematografica...") . Non è una domanda facile, e vi confesso che io mi pongo (contrariamente alla mia indole) tra i "conservatori". Insomma, non sono un talebano e non grido all'untore, però trovo molto pericolosa questa deriva verso un consumo "domiciliare" del prodotto filmico... intendiamoci: Netflix è l'effetto e non la causa di questa situazione. Non ha nessuna colpa. La colpa è da ascriversi alla maleducazione del pubblico (nel senso letterale del termine, ovvero non più abituato alla visione in sala) che fa sì che per un adolescente vedere un film al cinema, in tv, sul pc o sul cellulare è esattamente la stessa cosa. Si è perso il gusto del ritrovarsi e andare al cinema, di considerare la sala cinematografica come il luogo deputato per vedere un film.

Io questa cosa la trovo molto triste.
Certo, è chiaro che il cinema non sparirà (come sostengono i consumatori di Netflix), ma di questo passo sparirà la cultura cinematografica, sparirà il carattere pubblico del cinema, inteso come condivisione e aggregazione. Sparirà la magia del cinema stesso. Perchè tra vedere Dunkirk in una sala IMAX con uno schermo da 50 metri e vederlo sullo schermo di un computer c'è la stessa differenza che tra guidare una Ferrari e una Panda... ma vallo a spiegare ai ragazzini che con 8 euro al mese hanno un modo che si spalanca davanti a loro.
E probabilmente hanno ragione loro, ma non sono per nulla contento.

venerdì 21 luglio 2017

TIRANDO LE SOMME : COMMENTO "RAGIONATO" ALLA STAGIONE 2016 - 2017

"La Bella e la Bestia"
L'anno del dopo-Zalone diventa l' annus horribilis del box-office italiano. Certo, si sapeva che l' exploit del comico pugliese avrebbe "drogato" il mercato e che le cifre della scorsa stagione sarebbero state irripetibili, ma alla resa dei conti il bilancio 2016/17 è nettamente il peggiore degli ultimi cinque anni...

mercoledì 19 luglio 2017

STAGIONE 2016 - 2017 : I "FLOP" DELL'ANNO

"Equals", di Drake Doremus
Da Drake Doremus a Terrence Malick, da Mel Gibson a Derek Cianfrance: come al solito la lista delle delusioni dell'anno non fa sconti a nessuno, dai talenti emergenti (o presunti tali) fino vecchi leoni, "mostri sacri"compresi.

Con la precisazione di sempre: non ci sono in questa classifica film inguardabili o davvero brutti, ma titoli che per un motivo o per un altro non hanno rispettato le attese della vigilia oppure, come nel caso di Gibson, pur tecnicamente validissimi sono inaccettabili dal punto di vista etico (datemi pure del bigotto, se volete, ma penso che le cose vadano chiamate con il loro nome: quello di Gibson è fascismo allo stato puro...)

Ecco quindi i sette flop della stagione che si va a chiudere, scelti secondo il mio modestissimo parere e verso i quali mi aspetto già le vostre critiche: ma del resto il bello delle classifiche è proprio questo, quello di discutere e confrontarsi (civilmente, s'intende). Son qui apposta!

lunedì 17 luglio 2017

STAGIONE 2016 - 2017 : I "TOP" DELL'ANNO


No, non è un errore. E nemmeno piaggeria. Semplicemente, la stagione 2016/2017 ha consacrato Pablo Larraìn come il più grande Autore della sua generazione (quella dei quarantenni o giù di lì), piazzando in pochi mesi una doppietta da brividi: prima l'affascinante e colto Neruda, spartiacque ed epilogo della propria carriera in patria, poi il meraviglioso Jackie, primo film "americano" e primo capolavoro oltreoceano. Non (mi) era mai successo di inserire due film dello stesso regista ai primi due posti della classifica stagionale, ai quali bisogna poi aggiungere il podio conquistato lo scorso anno con Il Club. La conferma, appunto, di un talento cristallino ormai arrivato forse ai suoi massimi livelli. E non c'è dubbio che da ora in avanti la vera sfida per Larraìn sarà quella di continuare a girare film belli come questi... lo aspettiamo al varco!

sabato 15 luglio 2017

THE WAR : IL PIANETA DELLE SCIMMIE

(War for the Planet of the Apes)
regia: Matt Reeves (Usa, 2017)
cast: Andy Serkis, Woody Harrelson, Steve Zahn, Karin Kornoval, Amiah Miller
sceneggiatura: Matt Bomback, Matt Reeves
fotografia: Michael Seresin
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: William Hoy
musiche: Michael Giacchino
durata: 142 minuti
giudizio: 

trama:  La guerra tra uomini e scimmie è giunta ormai all'epilogo: quando le truppe umane, guidate dallo spietato colonnello McCullogh, scoprono e distruggono il rifugio di Cesare, quest'ultimo si metterà sulle sue tracce meditando vendetta. Da questo scontro dipenderanno i destini delle rispettive etnie e del pianeta stesso.

giovedì 13 luglio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (13 - 19 LUGLIO)

Ultimo vero blockbuster dell'estate, Il "nuovo" Pianeta delle Scimmie segna davvero la fine della stagione cinematografica in corso: dalle prossime settimane sarà ormai tempo di anteprime e nuove proposte per l'annata a venire. E in questo assolato weekend c'è spazio anche per un Paul Schrader d'annata e qualche altro scialbo thriller estivo...

martedì 11 luglio 2017

POSSESSION (NOTTE HORROR 2017)


E anche per quest'anno, il quarto consecutivo, la "notte horror" torna su SOLARIS e su tutti i blog "amici"  che aderiscono a questa bella iniziativa: l'estate, si sa, è tempo di brividi... e allora come non invogliarvi a "rabbrividire" insieme a noi recuperando qualcuno di questi film? La formula è sempre la stessa: ogni martedì (tradizionalmente il giorno caro a Zio Tibia) due recensioni su due blog diversi a due orari diversi (le 21 e le 23). La scaletta la potete vedere nel banner lungo in coda a questa recensione. SOLARIS partecipa quest'anno con una pellicola a dir poco "maledetta", uno dei film più censurati e disturbanti del cinema moderno, che ho visionato per la prima volta per questa occasione...

lunedì 10 luglio 2017

BOX OFFICE (6 - 9 LUGLIO 2017)

L'ultimo box office stagionale (prima del "riepilogone" di fine anno) vede ovviamente in vetta Spiderman, con un incasso più che dignitoso visti i tempi... per il resto tutto come prima: posizioni praticamente congelate alla settimana scorsa.

giovedì 6 luglio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (6 - 12 LUGLIO)

Appena due film in uscita nel weekend, con una stagione estiva che volge al termine in pratica ancora prima di cominciare: uno è l'ennesimo cinecomic di questa stanchissima estate (stavolta tocca all' Uomo Ragno provare a farsi strada al botteghino), l'altro è un assurdo remake "all'amatriciana" di Fast and Furious... talmente ignobile che non merita nemmeno sprecare troppe parole.

Ormai manca all'appello solo Il Pianeta delle Scimmie (uscirà la prossima settimana) e poi potremo finalmente tirare i conti di quest'annata...

martedì 4 luglio 2017

CIVILTA' PERDUTA

(The lost city of Z)
regia: James Gray (Usa, 2016)
cast: Charlie Hunnam , Sienna Miller, Robert Pattinson, Tom Holland, Angus McFayden, Franco Nero
sceneggiatura: James Gray
fotografia: Darius Khondji
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: John Axelrad
musiche: Christopher Spelman
durata: 141 minuti
giudizio: 

trama:  Gran Bretagna, 1906. Il colonnello Percy Fawcett riceve l'ordine di effettuare per conto del governo dei rilievi cartografici nella foresta amazzonica, al confine tra Brasile e Bolivia. Assieme a uno sparuto gruppo di collaboratori risalirà il Rio Verde fino alla sorgente, dove s'imbatterà in degli strani resti archeologici che testimonierebbero l'esistenza di una misteriosa città perduta, la cui civiltà sembrerebbe essere più antica addirittura dell'epoca dei conquistatori...

lunedì 3 luglio 2017

BOX OFFICE (29 GIUGNO - 2 LUGLIO 2017)

Incredibile Vasco anche al cinema: il mega-concerto del rocker emiliano, proiettato in diretta in 227 sale selezionate, fa registrare l'incasso "monstre" di 743mila euro in un solo giorno, in pratica il triplo di Transformers!

Cinquantamila spettatori che si vanno ad aggiungere ai 220mila del Modena Park e ai 5,5 milioni di persone che si sono goduti l'evento in tv su RaiUno, numeri da capogiro che confermano l'immenso affetto del pubblico nei suoi confronti.  Davvero nessuno come lui...

sabato 1 luglio 2017

L'INFANZIA DI UN CAPO

(The childhood of a leader)
regia: Brady Corbet (Gb, 2015)
cast: Tom Sweet, Berenice Bejo, Liam Cunningham, Robert Pattinson, Stacy Martin, Yolande Moreau 
sceneggiatura: Brady Corbet, Mona Fastvold
fotografia: Lol Crawley
scenografia: Jean-Vincent Puzos
montaggio: David Jancso
musiche: Scott Walker
durata: 115 minuti
giudizio: 

trama:  Il racconto in tre capitoli (corrispondenti ad altrettanti scatti d'ira) dell'infanzia del piccolo Prescott, ragazzino vessato da una famiglia bigotta e conservatrice, e destinato a diventare un futuro dittatore... 

giovedì 29 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (29 GIUGNO - 5 LUGLIO)

Aggiungi didascalia
Un filmone bistrattato dalla critica, due interessanti recuperi di opere minori e l'ennesimo reboot di Godzilla sono le proposte cinefile della settimana.

C'è curiosità per l'ultimo film di Sean Penn, letteralmente massacrato al Festival di Cannes dagli addetti ai lavori e (solo) adesso in uscita nelle nostre sale.

Per andare sul sicuro però vi consiglio caldamente il debutto alla regìa di Brady Corbet, che con L'infanzia di un capo ci regala un dissacrante (e raggelante) ritratto di un dittatore in erba, passato con successo a Venezia 2015. Mentre mi sentirei di dare una possibilità a Ninna Nanna, della coppia Dario Germani ed Enzo Russo, su un tema delicato come la depressione post-parto. Lo interpreta la brava Francesca Inaudi, ed è già un bel biglietto da visita.

martedì 27 giugno 2017

LIEBSTER AWARD 2017


Ancora un premio, l'ennesimo, per SOLARIS ! Per il quinto anno consecutivo infatti mi ritrovo insignito del prestigioso Liebster Award, ambìto riconoscimento (sul serio! almeno per me...) che viene assegnato dai colleghi blogger che condividono con te la stessa passione, allo scopo di farsi conoscere e far scoprire qualcosa di più su loro stessi nella blogsfera. E come non ringraziare dunque la gentilissima Giulietta94, ovvero La collezionista di biglietti (che come l'anno scorso è stata la prima a ricordarsi di me!) nonchè Alfonso Maiorino di Non c'è paragone Stephania Loop di Delicatamente perfido, Frank R. di Combinazione Casuale, e anche l'amico Marco Contin de La Stanza di Gordie, ultima felicissima scoperta! Va detto che in genere non amo molto le "catene", ma in questo caso faccio una piacevole eccezione proprio perchè, appunto, tutto il giochino è finalizzato a un lodevolissimo intento...

lunedì 26 giugno 2017

BOX OFFICE (22 - 25 GIUGNO 2017)

Volano i Transformers di Michael Bay, malgrado il caldo record e la durata non proprio leggera del film (148 minuti), indice di una grossa affezione e fidelizzazione del pubblico per questo tipo di format. Peccato invece per il bravo James Gray, regista talentuoso e sempre sottovalutato, che con il suo nuovo Civiltà Perduta non raggiunge i 200mila euro, pur con una media/scherno dignitosa.

Continua a sorprendere invece l'indipendente Nerve, che in pratica solo con il passaparola del pubblico è già arrivato a quota 750mila euro, risultato assolutamente inaspettato alla vigilia.

venerdì 23 giugno 2017

HAPPY END

(id.)
regia: Michael Haneke (Francia/Austria/Germania, 2017)
cast: Jean-Louis Trintignant, Mathieu Kassovitz, Fantine Harduin, Isabelle Huppert, Franz Rogowski 
sceneggiatura: Michael Haneke
fotografia: Christian Berger
scenografia: Amy Jane Lockwood, Anthony Neale
montaggio: Monika Willi 
durata: 110 minuti
giudizio: 

trama:  Le (poche) virtù e le (molte) disgrazie di una famiglia borghese del nord della Francia, apparentemente irreprensibile eppure dilaniata da faide interne: tra padri anaffettivi, mariti fedifraghi, figli (e figlie) disadattati e inquietanti, un capo di famiglia luciferino e stanco di vivere, si consuma la disgregazione dei rapporti umani e, più in generale, di una società occidentale opulenta e sorda ormai arrivata al capolinea.

mercoledì 21 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (22 - 28 GIUGNO)

Arriva Transformers 5, e sulla stagione cinematografica cala il sipario... il nuovo kolossal di Michael Bay è in pratica l'ultimo titolo atteso dell'anno, l'unico ancora in grado di scalare le classifiche.

Per il resto, solo fondi di magazzino (c'è perfino un Lelouch di tre anni fa) e film anche interessanti ma gettati dissennatamente in pasto alla calura estiva: su Civiltà perduta, del grande James Gray (vi ricordate de I padroni della notte?) scommetterei ad occhi chiusi.

lunedì 19 giugno 2017

BOX OFFICE (15 - 18 GIUGNO 2017)

C'è poco da commentare: i numeri parlano da soli. Sale deserte, blockbuster senz'anima e tanti fondi di magazzino non possono far decollare una stagione estiva che, ancora una volta, finisce ancora prima di iniziare.

Adesso si attende solo Transformers 5, l'ultimo vero film da grande pubblico, e poi... tutti al mare (ma prima ci sarà il mio solito rendiconto dell'annata, stay tuned!)

sabato 17 giugno 2017

SOGNARE E' VIVERE

(A tale of love and darkness)
regia: Natalie Portman (Israele/Usa, 2015)
cast: Natalie Portman, Amir Tessler, Gilad Kahana
sceneggiatura: Natalie Portman
fotografia: Slawomir Idziak
scenografia: Arad Sawat
montaggio: Andrew Mondshein, Hervè Schneid 
musica: Nicholas Britell
durata: 96 minuti
giudizio: 

trama:  Negli anni '30, la giovane ebrea Fania emigra in Palestina insieme al padre, il marito e il piccolo Amos, suo figlio, per sfuggire alle persecuzioni naziste. Qui assisterà alla nascita di una nazione (Israele) e a un nuovo inizio per il suo popolo. Ma la sua vita privata non andrà affatto a gonfie vele: delusa da un matrimonio infelice e soffocata nelle sue ambizioni letterarie, sfogherà la sua creatività trasmettendo la sua passione al figlio, prima di cadere in depressione.

giovedì 15 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (15 - 21 GIUGNO)

Una di quelle settimane in cui fai davvero fatica a consigliare qualcosa, non essendo uscito neppure il blockbuster di turno... non ci resta che il  nuovo film di Tom Tykwer (uno che da vent'anni cerca, invano, di bissare il successo del suo esordio, Lola corre) e il debutto nella fiction (a ottantuno anni!) della moglie di Francis F. Coppola. Per il resto, davvero poco da segnalare.

lunedì 12 giugno 2017

BOX OFFICE (8 - 11 GIUGNO 2017)

La Mummia, pur con incassi non proprio esaltanti, guadagna la vetta del box office settimanale. Ma a sorridere è ancora una volta Pirati dei Caraibi, che con il milioncino raggranellato nel weekend si porta a un passo dalla top ten assoluta: vacilla dunque il decimo posto di Ficarra e Picone, unico film italiano ancora presente.

Continua invece la scarsa affezione del pubblico verso Wonder Woman: due milioni e mezzo alla seconda settimana di programmazione non sono numeri soddisfacenti per un blockbuster di tale portata. Curioso che questa pellicola abbia avuto successo ovunque tranne che da noi...

sabato 10 giugno 2017

SETTE MINUTI DOPO LA MEZZANOTTE

(A monster calls)
regia: Juan Antonio Bayona (Usa/Spagna, 2017)
cast: Lewis MacDougall, Felicity Jones, Sigourney Weaver, Liam Neeson (voce)
sceneggiatura: Patrick Ness
fotografia: Oscar Faura
scenografia: Eugenio Caballero
montaggio: Jaume Martì, Bernat Vilaplana
musica: Fernando Velazquez
durata: 108 minuti
giudizio: 

trama:  Il dodicenne Connor, bullizzato a scuola e represso da una nonna severa e anaffettiva, deve affrontare il dramma della madre malata terminale di cancro. Il suo unico sollievo sarà l'incontro con una creatura mostruosa (ma saggia) che si materializza ogni sera sette minuti dopo la mezzanotte... 

giovedì 8 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (8 - 14 GIUGNO)


Il blockbuster della settimana è senza dubbio La Mummia, nel nuovo adattamento interpretato da Tom Cruise e Russell Crowe. Ma i film da consigliare (e da cercare, vista la probabile scarsissima distribuzione) sono il romeno Sieranevada, acclamatissimo a Cannes 2017, e il debutto alla regia della bella, brava e impegnata Natalie Portman.

Il suo film, Sognare è vivere, esce solo adesso dopo oltre due anni, ma siamo sicuri che ne varrà la pena. Potete scommetterci!

lunedì 5 giugno 2017

BOX OFFICE (1 - 4 GIUGNO 2017)

Pirati dei Caraibi batte Wonder Woman per k.o. tecnico. I dati del botteghino sono senza appello: nonostante la seconda settimana di programmazione (contro un' uscita "fresca") Jack Sparrow e soci doppiano l'eroina della DC Comics. Nemmeno la presenza, tutt'altro che impalpabile, della splendida Gal Gadot riesce a scalfire il dominio dei "pirati": la coppia Johnny Depp / Javier Bardem è pressochè invincibile, a testimonianza che il pubblico femminile è ancora di gran lunga predominante nelle nostre sale...

Non solo: Wonder Woman soccombe anche nei confronti del pessimo Baywatch, che ha una media/schermo nettamente migliore: testosterone a parte, onestamente non ce l'aspettavamo. A dimostrazione che non basta solo confezionare un blockbuster tratto da un fumetto famoso per avere successo al box-office. Sarebbe fin troppo facile.

sabato 3 giugno 2017

SCAPPA - GET OUT

(Get Out)
regia: Jordan Peele (Usa, 2017)
cast: Daniel Kaluuya, Allison Williams, Bradley Whitford, Catherine Keener, Lil Rel Howery
sceneggiatura: Jordan Peele
fotografia: Toby Oliver
scenografia: Rusty Smith 
montaggio: Gregory Plotkin
musica: Michael Abels
durata: 104 minuti
giudizio: 

trama:  Dopo cinque mesi di relazione, per il nero Chris è arrivato il momento di conoscere i genitori di Rose, la sua compagna. La cosa gli crea un po' di apprensione perchè la ragazza (bianca) non ha mai detto ai suoi di essere fidanzata con un uomo di colore. Al loro arrivo Chris è accolto molto bene dai futuri suoceri, in apparenza aperti e disponibili. Tuttavia, in quella grande casa solitaria, immersa nel bosco, il ragazzo avverte una sottile inquietudine che non lo fa stare per niente tranquillo...  

giovedì 1 giugno 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (1 - 7 GIUGNO)

Un fumettone classico e un giocattolone innocuo sono i titoli "di punta" (sic!) di una stagione che ormai volge al termine senza sussulti. Così, tra Wonder Woman e Baywatch, gli unici titoli guardabili paiono essere due film francesi gettati in pasto alla calura estiva...

giovedì 25 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (25 - 31 MAGGIO)

Ormai da qui all'estate il copione sarà sempre lo stesso: un blockbuster ogni settimana e un manipolo di titoli che usciranno in pochissime copie e che nessuno riuscirà a vedere malgrado le sale sempre più vuote... il lento stillicidio dell'estate cinematografica italiana si consuma così da tempi remoti, malgrado le cicliche dichiarazioni di intenti dei politici e distributori di turno, sempre regolarmente smentite.

Spazio dunque in questo weekend al quinto episodio di Pirati dei Caraibi, con un Johnny Depp ormai icona di se stesso e con i panni di Jack Sparrow cuciti addosso. Per i cinefili ci sarebbe invece il giapponese Ritratto di famiglia con tempesta, ammesso di riuscire a trovare una sala che lo programmi. Potrebbe valerne la pena.

lunedì 22 maggio 2017

BOX OFFICE (18 - 21 MAGGIO 2017)

Sorride solo Sergio Castellitto con i dati del botteghino settimanale: il suo film, Fortunata, uscito eccezionalmente di sabato in contemporanea con il Festival di Cannes, supera i 400mila euro in soli due giorni di programmazione: di questi tempi è grasso che cola...

Non pervenuti (o quasi) tutti gli altri: Alien Covenant mantiene la vetta della classifica, ma con appena 542mila euro di incasso (2 milioni finora il risultato complessivo, una miseria per un blockbuster di tale portata) mentre si difende l'horror Scappa, Get Out che ottiene la media/schermo più alta della settimana. Pessimo invece il risultato di The Dinner: evidentemente nemmeno la presenza di Richard Gere è ormai sufficiente per distogliere il pubblico dal richiamo delle spiagge...

sabato 20 maggio 2017

GHOST IN THE SHELL

(id.)
regia: Rupert Sanders (Usa, 2017)
cast: Scarlett Johansson, Juliette Binoche, Philou Asbaek, Takeshi Kitano, Michael Pitt
sceneggiatura: Jamie Moss, William Wheeler
fotografia: Jess Hall
scenografia: Jan Roelfs
montaggio: Neil Smith, Billy Rich
musica: Clint Mansell, Lorne Balfe
durata: 106 minuti
giudizio: 

trama:  A causa di un terribile incidente il maggiore Mira Killan, capo della sezione 9 dell'Unità di Antiterrorismo Informatico, viene trasformata in un cyborg dotato di intelligenza e forza fuori del comune. Il suo compito sarà quello di scovare e uccidere il perfido Kuze, un pericoloso criminale capace di controllare le menti cibernetiche e assumerne il controllo totale. Ma mentre si trova sulle tracce del malvivente, la vita privata di Mira sarà sconvolta da un'atroce rivelazione...

giovedì 18 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (18 - 24 MAGGIO)

Uscite apparentemente poco appetitose nella settimana entrante, in realtà con più di un motivo d'interesse: si comincia con Fortunata di Sergio Castellitto (a Cannes nella sezione Un certain regard) per proseguire con The Dinner e l'horror Scappa, Get Out, a loro modo due pellicole figlie dei nostri tempi problematici.

Curiosità anche per lo spagnolo Sette minuti dopo la mezzanotte, buon thriller per ragazzi campione d'incassi e pluripremiato in Spagna.

martedì 16 maggio 2017

SONG TO SONG

(id.)
regia: Terrence Malick (Usa, 2017)
cast: Michael Fassbender, Ryan Gosling, Rooney Mara, Natalie Portman, Cate Blanchett, Holly Hunter, Patti Smith, Val Kilmer
sceneggiatura: Terrence Malick
fotografia: Emmanuel Lubezki
scenografia: Jack Fisk
montaggio: A.J. Edwards, Keith Fraase, Hank Corwin, Rehman Nizar Ali
musica: Lauren Mikus
durata: 129 minuti
giudizio: 

trama:  Austin, Texas: la giovane Faye, aspirante musicista, s'innamora del "collega" BV, pur essendo (pare) ancora legata sentimentalmente al ricco e subdolo Cook, potente produttore discografico, il quale a sua volta corteggia l'ingenua Rhonda, cameriera in un fast food... 

lunedì 15 maggio 2017

BOX OFFICE (11 - 14 MAGGIO 2017)

L'ultimo capitolo di Alien vince il botteghino settimanale, ma gli incassi sono in picchiata: appena un milioncino scarso nel primo weekend per il film di Ridley Scott, a dimostrazione di quanto sia diventato ormai marginale il mercato italiano, soprattutto in questa stagione. Poca gloria anche per King Arthur, l'altro blockbusterone uscito in settimana.

giovedì 11 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (10 - 16 MAGGIO)

"Song to song"
Settimana importante a livello di uscite cinematografiche, a cominciare dal nuovo film di Terrence Malick (e quindi "cult" per definizione). Il regista americano sembra ormai lanciato verso una seconda giovinezza artistica: dopo aver diretto appena tre film in venticinque anni si è rifatto girandone sei negli ultimi dieci... come al solito cast all-star, con grandi attori disposti a comparire anche per pochi minuti pur di "esserci". Staremo a vedere.

Ma, a livello di incassi, il weekend sarà soprattutto terreno di scontro tra due "blockbusteroni" mica da ridere: l'ennesima rivisitazione del mito di Re Artù (in King Arthur, il potere della spada, dirige Guy Ritchie) e il nuovo capitolo della saga di Alien, sempre ad opera dell'instancabile Ridley Scott. Infine, per chi riesce a trovarlo, l'ultimo film di Emir Kusturica (che schiera una sorprendente Monica Bellucci) potrebbe riservare una piacevolissima sorpresa.

martedì 9 maggio 2017

BOX OFFICE (4 - 7 MAGGIO 2017)

Weekend povero, poverissimo, quello appena trascorso: i Guardiani della Galassia vincono ma non sfondano, con un misero milioncino di euro raggranellato... praticamente nulla rispetto ai 145 milioni (!) incassati in America. Ma si sa che in Italia passata la Pasqua il cinema va in ferie. La prossima settimana usciranno altri due presunti blockbuster, King Artur e Alien Covenant: vedremo i risultati.

Mi preme sottolineare il risultato di Sole Cuore Amore di Vicari: 75 mila euro distribuiti nelle misere 51 sale in cui è stato distribuito (si fa per dire) senza alcun battage pubblicitario. Fanno una media/schermo di 1.490 euro, cioè assolutamente in linea con gli incassi stagionali... domanda (retorica) : perchè si ha così paura del cinema di qualità?

sabato 6 maggio 2017

SOLE CUORE AMORE

(id.)
regia: Daniele Vicari (Italia, 2017)
cast: Isabella Ragonese, Eva Grieco, Francesco Acquaroli, Francesco Montanari, Giulia Anchisi, Chiara Scalise, Paola Tiziana Cruciani
sceneggiatura: Daniele Vicari
fotografia: Gherardo Gossi
scenografia: Beatrice Scarpato
montaggio: Benni Atria, Alberto Masi
musica: Stefano Di Battista
durata: 113 minuti
giudizio: 

trama:  Eli ha quattro figli e un marito disoccupato. Ogni mattina si alza prima dell'alba per raggiungere il bar dove lavora: due ore per coprire cinquanta chilometri e tanti rospi da ingoiare. Vale invece fa la ballerina e sogna un posto al sole, oltre che badare ai figli di Eli. Due donne, due facce della stessa medaglia, quella di un' Italia precaria e senza cuore, dove non c'è spazio per la tenerezza. 

giovedì 4 maggio 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (4 - 9 MAGGIO 2017)

Daniele Vicari non è un regista molto "prolifico", ma i suoi film lasciano sempre il segno: l'ultimo, Diaz (di cinque anni fa) fu un autentico e salutare pugno nello stomaco.

Per questo il suo nuovo lavoro, Sole cuore amore, è il titolo più atteso della settimana entrante: Vicari torna a raccontarci un'Italia difficile, quella che non riempe le pagine dei giornali e che vive di ordinaria precarietà... temo che (purtroppo) il film non avrà una grande distribuzione, perciò l'invito è di vederlo e farlo vedere. Sono sicuro che ne varrà la pena.

lunedì 1 maggio 2017

BOX OFFICE (27 - 30 APRILE 2017)

I Guardiani della Galassia, non certo a sorpresa, irrompono in testa alla classifica settimanale: per la Disney è davvero una stagione d'oro (tre film nei primi cinque incassi dell'anno) a conferma di come ormai il box-office è strettamente legato ai prodotti per spettatori piccoli e adolescenti. Lo dimostra anche il sorprendente terzo posto (e i 4,5 milioni raggranellati finora) di Baby Boss, pellicola che non ha avuto pubblicità o quasi...

Sul fronte autoriale c'è da essere davvero contenti del bel risultato de La tenerezza: il film di Gianni Amelio riempe le (poche) sale in cui viene programmato, e c'è da sperare che sia un buon viatico per aumentare la distribuzione. Non male anche Moglie e Marito e Lasciati Andare, che "veleggiano" verso i due milioni di euro: una volta un incasso del genere era il minimo sindacale per un film italiano, mentre oggi bisogna accontentarsi...

sabato 29 aprile 2017

LA TENEREZZA

(id.)
regia: Gianni Amelio(Italia, 2017)
cast: Renato Carpentieri, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Elio Germano, Arturo Muselli, Greta Scacchi, Maria Nazionale
sceneggiatura: Gianni Amelio, Alberto Taraglio
fotografia: Luca Bigazzi
scenografia: Giancarlo Basili
montaggio: Simona Paggi
musica: Franco Piersanti
durata: 103 minuti
giudizio: 

trama:  In un vecchio palazzo della Napoli borghese vive Lorenzo, ex avvocato settantenne caduto in disgrazia, che nega l'affetto ai figli e ha rimosso il ricordo della moglie morta. Saverio, il figlio più giovane, ambizioso e affamato di soldi, se ne infischia tranquillamente. Invece Elena, la più grande, malgrado tutto gli vuole ancora bene e soffre. Un giorno, una giovane coppia con due bambini si sistema nell'appartamento accanto al suo...

giovedì 27 aprile 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (27 APRILE - 3 MAGGIO)

Molte uscite in questo weekend, ma poche quelle davvero appetibili: qualche titolo di cassetta (The Circle, con Emma Watson e Tom Hanks), qualche pellicola di ultra-nicchia da cercare con il lanternino (Le donne e il desiderio, A casa nostra), diverse altre da dimenticare in fretta...

martedì 25 aprile 2017

BOX OFFICE (20 - 23 APRILE 2017)

Il giorno festivo in più (Pasquetta) rianima un po' il box-office: incassi in leggera ripresa ma ancora nettamente indietro rispetto alla stagione precedente.

Domina sempre incontrastato Fast and Furious 8, che "sfonda" quota dieci milioni ed entra di prepotenza nella top ten assoluta, nella quale "resiste" ormai solo un film italiano (L'ora legale di Ficarra e Picone). Da tempo non si vedeva  il nostro cinema messo così male a questo punto dell'annata.

sabato 22 aprile 2017

PERSONAL SHOPPER

(id.)
regia: Oliver Assayas(Francia, 2016)
cast: Kristen Stewart, Nora Von Waldstatten, Lars Eidinger, Andersen D. Lie
sceneggiatura: Oliver Assayas
fotografia: Yorick Le Saux
scenografia: Francois-Renaud Labarthe
montaggio: Marion Monnier
durata: 105 minuti
giudizio: 

trama:  La venticinquenne Maureen vive e lavora a Parigi come personal shopper per la diva Keira. Dopo l'improvvisa morte del fratello per arresto cardiaco scoprirà di avere (forse) la capacità di comunicare con i defunti, e soprattutto con lui.

giovedì 20 aprile 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (20 - 26 APRILE)

La Tenerezza, il nuovo film di Gianni Amelio, è il titolo più atteso della settimana entrante (esce il 24): un film di Amelio è sempre degno di visione, per la delicatezza e la profondità di stile che da sempre contraddistinguono il regista calabrese, qui circondato anche da un cast super-lusso per una produzione di casa nostra.

Per chi invece preferisce le atmosfere "complicate" dei meccanismi umani, da non perdere sicuramente Le cose che verranno, nuovo lungometraggio della promettente francese Mia Hansen-Love. Tutto l'opposto del muscolare e solidissimo thriller americano Boston, caccia all'uomo, sui fatti della tragica maratona del 2013. Chi invece ama i blockbuster movimentati e fracassoni, ecco arrivare il secondo capitolo dei Guardiani della Galassia.

martedì 18 aprile 2017

BOX OFFICE (13 - 16 APRILE 2017)

Format che vince non si cambia. Il pubblico di fedelissimi di Fast and Furious non vuole saperne di assuefarsi al genere... con risultati da capogiro: sei milioni di euro nel primo weekend (e manca ancora il dato di lunedì, giorno festivo) con tanti saluti alla critica e ai detrattori.

Dietro, a distanza siderale, discreti gli esordi delle due commedie italiane appena uscite (Moglie e marito e Lasciati andare), mentre pianino pianino anche il "piccolo" grande film di Aki Kaurismaki comincia a conquistarsi un esiguo (ma sempre in crescita) zoccolo duro di appassionati.

sabato 15 aprile 2017

L' ALTRO VOLTO DELLA SPERANZA

(Toivon tuolla puolen)
regia: Aki Kaurismaki(Finlandia, 2017)
cast: Sakari Kuosmanen, Sherwan Haji, Ikka Koivula, Kati Outinen
sceneggiatura: Aki Kaurismaki
fotografia: Timo Salminen
scenografia: Markku Patila
montaggio: Samu Heikkila
durata: 98 minuti
giudizio: 

trama:  Il commerciante infelice Wilkstroem e il giovane rifugiato siriano Khaled non hanno apparentemente niente in comune, tranne la voglia di rifarsi una nuova vita. Un giorno però i loro destini si incroceranno all'interno di un tristissimo ristorante di periferia, che la nuova gestione vorrebbe trasformare in un rinomato sushi-bar...

mercoledì 12 aprile 2017

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (12 - 19 APRILE)

Personal Shopper di Oliver Assayas è il film che sento di consigliarvi per le vacanze pasquali: storia intrigante, ambigua. sempre in bilico tra irrealtà e pragmatismo, potrebbe essere la sorpresa nell'uovo di Pasqua... nessuna sorpresa invece su Fast & Furious 8 : squadra e format vincenti non si cambiano, mentre l'oscuro e ambiguo Planetarium fa registrare il debutto al cinema della figlia di Johnny Depp.

E l'Italia?  Sempre e solo commedie, sempre e solo con gli stessi personaggi: per chi si accontenta...

lunedì 10 aprile 2017

BOX OFFICE (6 - 9 APRILE 2017)

Arrivano i primi caldi, i weekend con il sole... e puntualmente il cinema si squaglia: incassi a picco e pochissime sorprese (tra cui quella, molto gradita, di Aki Kaurismaki, che entra nella top ten con una media/schermo molto alta). Ma le cifre sono davvero risibili, guardare per credere.

sabato 8 aprile 2017

ELLE

(id.)
regia: Paul Verhoeven (Francia, 2016)
cast: Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny, Cherles Berling
sceneggiatura: David Birke
fotografia: Stéphane Fontaine
scenografia: Laurent Ott
montaggio: Job Ter Burg
musica: Anne Dudley
durata: 130 minuti
giudizio: 

trama:  La vita di Michèle, affascinante e risoluta imprenditrice cinquantenne, cambia in maniera drastica quando viene aggredita e violentata a casa sua da un malintenzionato. Per nulla intimorita dall'accaduto, la donna continuerà a lavorare e vivere come se nulla fosse successo, salvo intraprendere una folle e morbosa indagine personale sull'identità del suo aggressore.