mercoledì 11 gennaio 2017

PASSENGERS

(id.)
regia: Morten Tyldum (Usa, 2016)
cast: Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen, Laurence Fishburne, Andy Garcia
sceneggiatura: Jon Spaihts
fotografia: Rodrigo Prieto
scenografia: Guy Hendrix Dias
montaggio: Maryann Brandon
musica: Thomas Newman
durata: 116 minuti
giudizio: 

trama:  Sono passati trent'anni dal decollo della nave spaziale Aurora, in rotta verso il pianeta Homestead II con a bordo cinquemila esseri umani ibernati: mancano ancora novant'anni all'arrivo a destinazione ma un guasto tecnico "risveglia" prima del previsto il passeggero Jim Preston, che si rende subito conto di essere l'unico viaggiatore sveglio su tutta la nave. Sconvolto per il fatto di dover trascorrere il resto della sua vita da solo in mezzo allo spazio, Preston (dopo aver tentato il suicidio) decide di "svegliare" un altro passeggero, la scrittrice Aurora Lane, condannando anch'essa alla permanenza forzata sull'astronave.  


dico la mia: E' un'enorme occasione perduta questo Passengers, ed è davvero un peccato. Dico la verità: non mi aspettavo grandi cose da questa pellicola dichiaratamente mainstream, eppure nonostante la mia iniziale diffidenza devo ammettere che a un certo punto mi ero quasi ricreduto, pronto a fare le mie scuse al regista Morten Tyldum (già autore l'anno scorso del discreto The Imitation Game) e a godermi un buon film di fantascienza "adulta" con spunti di riflessione tutt'altro che banali. Questo, almeno, fino alla sciagurata mezz'ora finale che distrugge tutto quanto di buono fatto vedere fin lì... ma andiamo con ordine.

L'idea che sta alla base di Passengers  ruota intorno a un concetto interessante: la natura dell'uomo come "animale sociale", incapace di affrontare la solitudine e bisognoso di relazione (non necessariamente sentimentale: il film, a dispetto delle attese, almeno all'inizio è tutt'altro che "romantico", concentrandosi piuttosto sulle difficoltà di adattamento di Jim - Chris Pratt -  che pur di non impazzire cerca il dialogo perfino con il robot-barman arrivando quasi a dimenticare la sua natura meccanica). Poi, quando invece entra "forzatamente" in scena Aurora (Jennifer Lawrence), il discorso cambia, mettendoci davanti a un dilemma pericoloso: l'istinto primordiale di volere qualcuno accanto a noi può costringerci a compiere qualsiasi bassezza pur di trovare una compagna? E quando l'amore, anche se sincero, si trasforma in egoismo e prevaricazione?

Domande a cui, purtroppo, il film di Tyldum si rifiuta di rispondere dopo avercelo fatto credere... e ciò rende la delusione ancora più grande. Dopo, infatti, una prima parte innegabilmente affascinante e volutamente claustrofobica (le pareti dell'astronave come allegoria della difficoltà di relazione con gli altri), Passengers subisce nella sua seconda metà una metamorfosi in action-movie abbandonando ogni pretesa filosofica per abbracciare un pubblico da blockbuster il quale, legittimamente (dal proprio punto di vista) pretende una svolta in chiave romantica della storia. Cosa che puntualmente accade.

Ciononostante, almeno fino a 3/4 di durata il film riesce ancora a stare in piedi pur restando sospeso a metà strada tra una pellicola ultra-commerciale e una con ambizioni artistico-filosofiche, in una messinscena ibrida ma comunque intrigante (le spettacolari scene girate all'esterno della nave ricordano molto quelle di Gravity, e sono efficacissime nel trasmettere tensione e adrenalina allo spettatore), Peccato però che tutto il castello di carte naufraghi clamorosamente nell'ultima parte del film, dove il prezzo da pagare allo star-system è davvero altissimo e insensato: la mezz'ora finale è un concentrato di situazioni assurde e totalmente campate in aria, che sfociano più di una volta nel ridicolo involontario (la scena della "resurrezione" di Jim è di una comicità imbarazzante), rendendo indifendibile una pellicola fino a quel momento più che discreta...

E nemmeno le prestazioni della coppia di attori protagonisti riesce a fornire valore aggiunto al film: se infatti Chris Pratt è legnoso e inespressivo come al solito, ben di più ci si aspetterebbe dalla bellissima Jennifer Lawrence, la quale però recita con il pilota automatico e si limita a incassare il lauto cachet. Finisce che il migliore risulta essere così il bravo Martin Sheen, che pur recitando sempre a "mezzobusto" è l'unico che sembra metterci un po' d'anima (il che, per un robot, è davvero tutto dire...)

25 commenti:

  1. Martin Sheen è davvero un talento sprecato qui dici bene, sei stato un signore, dopo 10 minuti avevo già voglia di smettere di guardare il film, ha dei buchi logici grossi, passino le citazioni Kubrickiane ma davvero una gran occasione persa. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, ammetto che dopo i primi dieci minuti mi ero quasi ricreduto e speravo in un film molto diverso... purtroppo però le premesse non sono state mantenute. E' il prezzo da pagare all'industria.

      Elimina
  2. Veramente imbarazzante, soprattutto nel finale.
    Sheen bravissimo, non mi esprimo sulla coppia - che già di per sé trovo molto sopravvalutata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sì, la mezz'ora finale (e il finale stesso) è davvero ridicolo. E Sheen da solo non basta a salvare la baracca...

      Elimina
  3. concordo, una palese boiata! Io poi mi sono arresa molto prima di te, secondo me regge poco anche la prima parte, molto banale. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la prima parte non è dispiaciuta anche se, in verità, più PER i temi che tratta che per COME li tratta. Ma almeno ci sono spunti interessanti (quelli che ho scritto nella recensione). Peccato che poi, purtroppo, dalla seconda metà in poi diventa un film davvero imbarazzante.

      Elimina
    2. sì, il tema sarebbe interessato anche a me, una sorta di cast away. ma non ho sperato nemmeno all'inizio che volesse approfondirlo, si capiva :( un vero peccato proprio!

      Elimina
  4. Martin Sheen a quanto pare lascerà la recitazione per la politica, e forse ha fatto questo film per convincersi di aver fatto la scelta giusta, ahahah! Scherzi a parte (ma il rumours di Sheen pare vero), peccato, sembrava una pellicola interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo della passione politica di Sheen... certo il cinema perderebbe un bel personaggio!

      Elimina
  5. Peccato! Con questi attori come si può sbagliare?
    Ne leggo male un po' ovunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può, purtroppo, quando regia e produzione si "svendono" alle leggi del mercato: si vede lontano un miglio che la Lawrence qui non è affatto concentrata sul suo personaggio... si è tappata il naso ed ha intascato il lauto cachet. Niente di nuovo.

      Elimina
    2. E invece io non ne ho parlato male.

      Elimina
  6. Tipico blockbuster poco incisivo nonostante cast e potenzialità.
    Ma almeno innocuo.
    E molto bravo Sheen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, perlomeno è innocuo: si è visto ben peggio... però il rammarico resta, perchè con un cast del genere, una sceneggiatura del genere e un regista che ha dimostrato in passato di saperci fare era lecito aspettarsi molto di più.

      p.s. nota bene, si sta parlando dell'aspetto artistico perchè dal punto di vista degli incassi il film sta andando più che bene!

      Elimina
  7. Come banalizzare un soggetto potenzialmente bellissimo: tra l'altro Tyldum mi era piaciuto parecchio in The Imitation Game, solo che non si era ancora svenduto a Hollywood. Va detto che probabilmente gli hanno imposto anche gli attori, totalmente inespressivi e fuori parte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli attori sono stati sicuramente imposti dalla produzione. Ma, ripeto, la loro scarsa "verve" è da ricondursi (almeno per la Lawrence) alla pochezza del progetto. Certo, per lo spettatore poco cambia.

      Elimina
  8. Menomale che c'è Jennifer, no?
    Si fa per ridere... buonanotte!
    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, Mauro... giusto per rifarsi gli occhi!
      Buonanotte anche a te!

      Elimina
  9. Io invece l'ho visto come un Titanic 3.0 e, tralasciando le ingenuità e le imperfezioni sia narrative che "scientifiche" l'ho apprezzato. Una volta tanto mi sono abbandonato al romanticismo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema, secondo me, è che il romanticismo (che ci sta anche bene) viene fuori solo nella seconda parte nella maniera più ridicola possibile...

      Elimina
  10. Scusate ma il robot non era Michael Sheen...?

    RispondiElimina
  11. E invece a me è piaciuto e anche un sacco ^^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...