lunedì 19 maggio 2014

IL WESTERN SBANCA CANNES. ALLA FACCIA DI CHI GLI VUOLE MALE....

Hilary Swank e Tommy Lee Jones in 'The Homesman'
Ha centoundici anni, ma non li dimostra. Anzi, il western è come l'araba fenice: dato ciclicamente per morto, finisce ogni volta per rinascere e stupire. Quest'anno ha addirittura sbancato Cannes, e non solo grazie all'attesissima versione restaurata di Per un pugno di dollari (che avrà l'onore di chiudere in bellezza la rassegna francese) ma anche per la presenza di almeno altri due titoli di genere che stanno già avendo ottimi riscontri di critica e pubblico: parliamo di The Homesman, seconda regia di Tommy Lee Jones (qui anche interprete, insieme a Hilary Swank e Meryl Streep) e il curioso The Salvation, produzione danese (!) firmata da Kristian Levring (ex allievo di Lars Von Trier) con il 'solito' Mads Mikkelsen in grande spolvero. Aggiungiamoci poi anche il fantascientifico The Rover, film australiano diretto da David Michod con Robert Pattinson protagonista, sorta di on the road futuribile che per atmosfere e situazioni ricorda molto il mito della frontiera...

Mads Mikkelsen in 'The Salvation'
Insomma, il western è vivo e vegeto. E il sottoscritto, modestamente, non ne ha mai dubitato. Per un motivo molto semplice: il western è il genere cinematografico che più di ogni altro incarna lo spirito e l'essenza di una nazione (gli Stati Uniti) storicamente giovane e quindi priva di valori fondanti del passato. L'America, lo sappiamo, è un Paese che ha sempre avuto un disperato bisogno di eroi (oggi più che mai) e non c'è da stupirsi, dunque, che ciclicamente si rifugi nell'unico genere (vecchio quasi quanto il cinema stesso) capace di esaltare o comunque ragionare sulla propria storia, spesso addirittura travalicando i confini del realismo e finendo per ingigantire vicende tutt'altro che cristalline... il mito del Far West è nato proprio così: storie di personaggi 'normali' che diventano straordinarie affidate alla penna (o alla cinepresa) di chi le racconta. Chi non ricorda la celebre battuta che John Ford  mette in bocca a Joseph Hoover ne L'uomo che uccise Liberty Valance: "Qui siamo nel West, dove se la leggenda diventa realtà, vince la leggenda..." 
James Stewart, John Ford e John Wayne.

Duelli rusticani, sparatorie, scazzottate, vendette, donne contese, assalti a diligenze e carovane... il western è tutto questo e anche di più, fin dal suo esordio al cinema (con il famosissimo Assalto al treno di Edwin S. Porter, datato 1903). Ha attraversato varie fasi, tutte coincidenti con la storia americana moderna e, ovviamente, influenzate da quest'ultima in maniera pesante: prima erano storie di uomini leggendari, generalmente soli e ardimentosi, pellicole pronte a travolgere lo spettatore con punte di patriottismo a volte perfino stucchevole. Erano gli anni di John Ford, il più grande, ma anche di Howard Hawks, Anthony Mann, Arthur Penn, Fred Zinnemann, King Vidor, Henry Hathaway, e interpretati dalle grandi star dell'epoca (spesso non esattamente 'liberali' per indole e pensiero, vedi John Wayne...). Poi, dopo il Vietnam e i conseguenti anni della contestazione e disillusione, anche il western è cambiato: è diventato più democratico e riflessivo, autocritico, arrivando addirittura a capovolgere e smitizzare lo stesso Sogno Americano.
Clint Eastwood ne 'Gli Spietati'

Il western che rinnega se stesso, dunque: per questo fin dal 1969, anno de Il mucchio selvaggio (diretto da Sam Peckinpah) passando per Balla coi lupi (Kevin Costner, 1990) fino ad arrivare al 1992, in cui Clint Eastwood diresse Gli Spietati (altro film 'epocale' per simbolismo e contenuti) si è parlato di morte del genere: in realtà il western si è trasfigurato, diventando revisionista e troppe volte politicamente corretto, nell'impari tentativo di rimettere a posto i conti con la storia... e ovviamente, sull'onda di questo 'riflusso' di coscienza (sporca) sono diminuiti i western 'classici', per far posto però a film contemporanei che, seppur abbracciando altri generi, sono comunque impregnati dalla cultura western: pensiamo a pellicole come I segreti di Brokeback Mountain, Le tre sepolture, Non è un paese per vecchi, Il Petroliere, Into the Wild... e che dire, addirittura, di film di fantascienza che sono innegabilmente ispirati alla Frontiera: pensiamo a Starship Troopers, L'uomo del giorno dopo, l'intera saga di Mad Max. E mille altri ancora.

Il western, prima di essere etichettato come genere cinematografico, è soprattutto una cultura e uno stile di vita, una parte importante e indelebile di un popolo intero. Ovviamente questo pezzo non vuole e non può essere esaustivo di un argomento così vasto, affascinante e complicato, ma mi piacerebbe se fosse uno stimolo per riscoprire e approfondire questo tema, molto caro al sottoscritto (cresciuto tra l'altro a pane e western, complice un genitore particolarmente appassionato). Ogni intervento, dunque è ben accetto.
Cento di questi western a tutti!

17 commenti:

  1. E quindi alla faccia mia :p . No, ok battute a parte, sai che con il western classico ho sempre avuto un problema di base, lo ammetto. Mi rendo conto che è una specie di pregiudizio, però tollero poco i western classici dove gli indiani (ops pardon nativi americani -_- )sono cattivi, d'altro canto è vero che magari si è esagerato con il politicamente corretto nel tentativo vano di mettersi a posto con la coscienza. Comunque come ti dissi tempo fa alla fine sono riuscita a vincere la mia antipatia per John Wayne e ad apprezzarlo come attore in film come "Pugni, pupe e pepite" western molto scanzonato e "Il barbaro e la geisha" film proprio di Ford quest'ultimo e che ho amato proprio tanto, quindi può essere che riesca a vincermi e a vedere il resto. Detto questo, penso anche io che il western non possa morire mai, grazie alle numerose sue rivisitazioni, anzi credo che diventando sempre più "sporco", realistico e nel contempo auto-ironico possa avere nuova linfa vitale. Sono molto attratta dal film di Tommy Lee Jones, che senza fare del banale politicamente corretto, pare raccontare una sincera storia di frontiera, molto "sporca" nel senso che ti senti addosso proprio la sporcizia del deserto e del fango e molto vera. Tra l'altro i classici di Sergio Leone li adoro ed ecco tra i film che amo di più c'è forse il migliore con Terence Hill ovvero "Il mio nome è nessuno" con uno straordinario Henry Fonda, splendido omaggio al genere e allo stesso Leone. E, per concludere, penso che tu sappia quanto e più di me, caro Sauro che la nostra amata saga di Star Wars debba tantissimo al genere western ;) . Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia,
      Beh sì... le 'contaminazioni' western in Guerre Stellari sono evidenti. E infatti il western è da sempre un genere 'trasversale', a testimonianza dell'influenza che ha avuto (e ha tuttora) a Hollywood e dintorni. Per il resto, 'Il mio nome è nessuno' è una pietra miliare del genere, non si discute :) Capisco poi i motivi per cui non ami il western classico (cosa molto comune al genere femminile :) ) , ma è chiaro che bisogna sempre contestualizzare l'epoca in cui sono stati girati... 'Sentieri selvaggi' è uno dei film più razzisti della storia del cinema, ma è un capolavoro assoluto. Stesso discorso, per dire, si può fare per i film di Leni Riefensthal: eticamente inaccettabili ma cinematograficamente straordinari.

      Elimina
  2. Calici al cielo per uno dei simboli del Cinema, ed il mio genere favorito. :)

    RispondiElimina
  3. GOD SAVE THE WESTERNS
    concordo pienamente: non finirà mai di affascinarci questo genere di eroi (quasi sempre solitari, spesso amareggiati dalle ingiustizie della vita)
    basterebbe il bellissimo GRINTA dei Coen Bros... per testimoniare quanto sia bello andare a cavallo tra il Texas e il Montana
    precisazione: la battuta "Qui siamo nel west..." non la pronuncia J. Wayne, ma Joseph Hoover (il biancovestito reporter del giornale)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, hai ragione!! E' che i film non li riguardo mai... ho corretto subito. Grazie mille per la precisazione!
      p.s. sì, Il Grinta dei Coen è bellissimo: cento volte meglio dell'originale!

      Elimina
  4. Anche io amo il genere...su tutti la trilogia del dollaro.. Gli spietati e django unchained ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Grande!! E' così raro trovare femminucce :) appassionate di western! Quelli che hai citato, poi, sono film grandiosi...

      Elimina
  5. I trսly ove your website.. Veery nice colors & theme. Dіd you make thіs
    amazing site yourself? Please reply back as I'm attempting to create
    mү own website and woսld like to finnd out
    where you got this from or just what the theme iis named.
    Cheers!

    Also visit mʏ wеb blog ... descargar rio 2 gratis

    RispondiElimina
  6. Very nice ɑrticle, totally what I was lokking for.


    Taake a look at my webpagе; ver Capitán América: El soldado de invierno (2014) online

    RispondiElimina
  7. What's up еvery one, here еver person is sharing these knoԝ-how, thus it's nice too read this wеb
    site, andd I used to pay a visit this weblog eveгty day.


    Check out my blog; ver Invasion Roswell (2014) online

    RispondiElimina
  8. Eh ma io non sono una femminuccia ...qualsiasi..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione... senza alcun dubbio!! :)

      Elimina
  9. Non stanchera' mai perché oltre ad essere cultura, il western verrà sempre associato a grandi interpreti, grandi registi, grandi compositori (e qui ci siamo in pieno anche noi) e per il gusto di riassaporare le atmosfere da saloon ci ritroveremo a guardare anche remake inattesi e perché no? Magari li applaudiremo anche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente, Manuela: è proprio così. Il western è anche nostalgia, ricordo, passione. Un modo di essere (e anche da applaudire!)
      Grazie per il commento!

      Elimina
  10. Good day! I could have sworn I've visited this web site
    before but after looking at many of the posts
    I realized it's new to me. Anyhow, I'm certainly delighted
    I found it and I'll be bookmarking it and checking back
    frequently!

    my web site: defense attorney phoenix

    RispondiElimina
  11. tutto perfetto, long live western

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...