sabato 4 aprile 2015

FANTOZZI

(id.)
di Luciano Salce (Italia, 1975)
con Paolo Villaggio, Liu Bosisio, Gigi Reder, Anna Mazzamauro, Giuseppe Anatrelli
durata: 98 minuti

Fa impressione accorgersi che Fantozzi compie quarant'anni. L'ho scoperto quasi per caso, sfogliando una rivista che di solito non leggo mai. Sembra impossibile, perchè Fantozzi in tutti questi anni è cresciuto con noi, come un vecchio amico (o meglio, come un collega d'ufficio... visto l'argomento), facendoci credere che ci fosse sempre stato. Una di quelle figure familiari, che sembrano non invecchiare mai e che invece, dopo quarant'anni (e dopo una visione casalinga recentissima, l'altra sera) ci fanno inesorabilmente prendere coscienza del tempo che passa.

Sì, perchè devo dire la verità: l'altra sera ho rivisto Fantozzi, e non ho fatto nemmeno una risata. Nemmeno una.

Ciò non vuol dire che il film non mi sia piaciuto, anzi.
Fantozzi è un film 'epocale', nel senso letterale del termine: un film che ha segnato un momento storico, delineando un personaggio che, finchè è stato possibile, ha incarnato un modo di essere e una condizione sociale che oggi non esiste più. Fateci caso, per decenni abbiamo riso e (de)riso una figura che rappresentava quanto di peggio potessimo immaginare e desiderare a livello lavorativo e umano: il travet, l'umile impiegato grigio e sottomesso, esponente-tipo del famigerato 'ceto medio', colui che ha un posto fisso, le ferie pagate, la malattia, la casa di proprietà, la macchina... eppure, visto oggi, nell'epoca della precarietà e dell'incertezza, Fantozzi appare quasi un privilegiato, un modello da seguire.

Per questo non ho riso rivedendolo per la milionesima volta: perchè l'ho guardato con occhi diversi, da adulto, o forse da 'vecchio', rendendomi conto che non è Fantozzi ad essere invecchiato ma, al contrario, siamo noi che in tutti questi anni ci siamo lasciati sfuggire l'occasione per diventare migliori, per costruire un futuro che poteva e doveva essere diverso. Quarant'anni fa ridevamo di Fantozzi per scacciare le nostre paure, nella speranza di esorcizzare quello che mai avremmo voluto che succedesse a noi. Fantozzi era l'emblema dell'italiano-tipo, disposto a tutti i compromessi, pronto ad ingoiare ogni boccone amaro pur di sopravvivere, per restare a galla. E forse non è un caso che il primo Fantozzi esca proprio nel 1975, cioè lo stesso anno di Amici miei (metafora - ben più feroce - del disagio inconsapevole di un paese che si apprestava ad entrare negli infausti anni '80) e appena una anno prima di Pasqualino Settebellezze della Wertmuller, altro personaggio a suo modo mutevole e trasformista, nell'accezione peggiore del termine...

E invece adesso ci accorgiamo che, tutto sommato, Fantozzi era molto più 'umano' ed intellettualmente onesto di quanto ci sembrava: era un disadattato sociale, un uomo imbelle e rassegnato all'umiliazione, eppure profondamente genuino e 'puro', capace di voler bene alla sua famiglia e restare fedele alla sua compagna: mai, in nessuno dei dieci film, Fantozzi tradirà davvero la moglie con la signorina Silvani, consapevole dei sacrifici fatti dalla consorte per renderlo felice, così come non rinuncerà comunque ad esprimere le proprie opinioni (celebre quella sulla Corazzata Potemkin, nel Secondo Tragico Fantozzi), col rischio di finire nell'acquario della Megaditta, e nemmeno si tirerà indietro al momento di condividere i surreali hobby del collega Filini. ben più allucinato di lui...

Fantozzi è una maschera tragica del nostro cinema, a vederlo ora trasmette solo grande amarezza. E' allo stesso tempo vittima e carnefice di una società svuotata di ogni barlume di sensibilità e coscienza: ogni suo gesto, ogni sua azione, si rivelano solo tentativi di raggiungere una felicità impossibile, o quantomeno di sentirsi accettato in un mondo dominato dalla vacuità dei rapporti e dal consumismo imperante. E', a suo modo, il simbolo del crollo dell' 'italian dream'.

Dal punto di vista strettamente cinefilo, Fantozzi è un film di assoluto valore, capace non a caso di aver fatto da capostipite a una delle saghe comiche più amate dal nostro pubblico, influenzando perfino il modo di parlare e comunicare (pensiamo all'aggettivo 'fantozziano', ormai di uso comune, oppure a certe espressioni tipiche quali 'com'è umano lei', 'salivazione azzerata', 'spigato siberiano'...).  Paolo Villaggio, dal canto suo, è stato abilissimo e capace nell'impersonare il suo ruolo della vita, ma gran merito del successo del film va anche alla straordinaria professionalità dei numerosi personaggi di contorno, così ben caratterizzati da risultare poi veri e propri protagonisti: difficilmente avremmo avuto Fantozzi senza Gigi Reder (il ragionier Filini), Anna Mazzamauro (la signorina Silvani), Liù Bosisio e Milena Vukotic (le 'signore' Fantozzi), Plinio Fernando (la bruttissima figlia Mariangela) e Giuseppe Anatrelli (il subdolo geometra Calboni). Figure indelebili di un cinema (e un mondo) che non c'è più.    

9 commenti:

  1. Lo ammetto è uno dei cult della mia infanzia! Certe battute sono davvero esilaranti, ma capisco quello che vuoi dire. La riflessione è perfetta.
    Buona Pasqua Sauro!

    RispondiElimina
  2. Riflessione davvero profonda, questa.
    E che faccia ridere oppure no all'ennesima visione, resta - con il secondo capitolo - una delle pellicole di satira sociale più importanti del Nostro Cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo in pieno, Ford. E' un film che, a seconda dell'età e della maturità con cui lo si guarda, stimola diversi livelli di riflessione e godimento. Anche dopo mille visioni.

      Elimina
  3. Splendido omaggio/ricordo, che condivido in pieno.
    Anche se io, ogni volta che lo rivedo, rido ancora da matti.
    Oh, amerà anche la famiglia (c'è una scena quasi commovente al riguardo, non ricordo in quale episodio) ma insomma, dileggiare in quella maniera la figlia e molte volte anche la moglie non è che sia l'esempio di padre/marito perfetto, anzi...
    E poi la Silvani non gliela dava, è quella la verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah!! Sì, fondamentalmente tutto si può riassumere nell'ultima riga! ;)

      Elimina
  4. Grande recensione come al solito, ormai sei una garanzia! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e grazie anche a te, troppo buona!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...