lunedì 19 ottobre 2020

BOX OFFICE (15 - 18 OTTOBRE 2020)

La buona notizia è che Lockdown all'italiana di Enrico Vanzina incassa appena 200mila euro nell'intero weekend, superato nettamente da Greenland e, in proporzione al numero di sale, anche da Un divano a Tunisi: un flop clamoroso (e giusto) per un film ignobile, fortunatamente ignorato dal pubblico nonostante la grancassa mediatica del distributore Medusa. Bene così.

Quella cattiva è che, purtroppo, gli incassi vanno sempre più giù. Non è una novità ma certo non c'è da stare allegri: con questi numeri è impensabile auspicare in una ripresa del settore, ormai tenuto in vita soltanto dai contributi governativi. Ma per quanto ancora?

giovedì 15 ottobre 2020

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (15 - 21 OTTOBRE)



Per la prima (e spero ultima) volta da quando tengo questa rubrica, nel mio piccolo scrivo un post per invitare il pubblico a NON andare al cinema. L'appello riguarda un solo film e, credetemi, sono ben consapevole delle enormi difficoltà in cui dibattono in questo periodo gli esercenti di sale cinematografiche. Giusto per dire che non scrivo queste parole a cuor leggero. Ma, davvero, non posso esimermi dal farlo nei confronti di Lockdown all'italiana di Enrico Vanzina: trovo che sia di pessimo gusto, per non dire ignobile, cercare di far soldi ironizzando su una pandemia ancora tragicamente in corso e che ha mietuto fino a oggi più di un milione di vittime in tutto il mondo. E non venitemi a dire che l'intento è quello di far "sorridere" la gente cercando di esorcizzare la paura... ci sono modi e modi ben più decorosi per farlo, e non credo che la comicità vanziniana, da sempre di bassissima lega, sia capace di trattare l'argomento nel modo giusto Per quanto mi riguarda, per la prima (e spero ultima) volta faccio mio il detto "non l'ho visto e non mi piace". E spero che i venticinque lettori di questo blog facciano altrettanto.


lunedì 12 ottobre 2020

BOX OFFICE (8 - 11 OTTOBRE 2020)


Un paio di buone notizie (finalmente) dal botteghino: Un divano a Tunisi, deliziosa commedia franco-magrebina molto apprezzata l'anno scorso alla Mostra di Venezia, ottiene la miglior media/schermo della settimana appena dopo il kolossal Greenland. Non era per niente scontato in un momento così difficile per il cinema in sala, segno che il pubblico ha ancora voglia di vedere pellicole di qualità, se solo si riesce a farle uscire!

Inoltre, Il giorno sbagliato con Russell Crowe è il quarto film dell'anno a superare il milione di euro al botteghino. Ottimo risultato per un film nient'affatto commerciale e "per famiglie". La stessa soglia, speriamo, potrebbe essere superata nelle prossime settimane anche da Padrenostro di Claudio Noce, che sfrutta l'effetto-traino della presentazione al Lido. Incrociamo le dita... e soprattutto correte al cinema!

sabato 10 ottobre 2020

PADRENOSTRO


titolo originale:
PADRENOSTRO (ITALIA, 2019)

regia: CLAUDIO NOCE
sceneggiatura: CLAUDIO NOCE, ENRICO AUDENINO
cast: PIERFRANCESCO FAVINO, MATTIA GARACI, BARBARA RONCHI, FRANCESCO GHEGHI
durata: 122 minuti
giudizio: 


Roma, 1976. Un ragazzino assiste dalla finestra a un attentato terroristico contro il padre magistrato. L'episodio lo condizionerà psicologicamente per tutta l'infanzia, oltre a costringerlo a una vita sempre sotto scorta. Tratto da una storia vera, accaduta al fratello del regista.  

giovedì 8 ottobre 2020

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (8 - 14 OTTOBRE)

 


E' emblematico il fatto, purtroppo, che questa settimana siano le "non-uscite" a fare più notizia delle uscite vere: la Metro Goldwin Mayer (e la Universal, che distribuisce) hanno annunciato l'ennesimo slittamento di No time to die, il nuovo film di 007 ormai "congelato" da mesi e rimandato stavolta (ma sarà vero?) ad aprile 2021. Stesso destino per Dune di Denis Villeneuve (rinviato di un anno esatto, ottobre 2021) e il nuovo Batman con Robert Pattinson, ancora in lavorazione e programmato addirittura per il 2022. La causa, manco a dirlo, la nuova impennata di contagi da Corona Virus che negli Stati Uniti (ma anche da noi) sta assumendo di nuovo contorni preoccupanti. Uno slittamento che rischia di essere drammatico per gli esercenti di sale cinematografiche, che da mesi aspettano a gloria film importanti per riportare la gente al cinema.

La situazione è critica: senza film appetibili, in grado di invogliare il pubblico a tornare in sala, i cinema proiettano film che nessuno va a vedere e i bilanci si aggravano sempre più. E' un circolo vizioso,  un gatto che si morde la coda: le case di produzione non fanno uscire i grandi film per paura di un flop commerciale, ma allo stesso modo lo spettatore non se la sente di rischiare a tornare in sala per vedere film mediocri. Nonostante i cinema, è bene dirlo, siano tra i luoghi più sicuri e controllati in assoluto.
Chissà quando (e se) ne usciremo.



lunedì 5 ottobre 2020

BOX OFFICE (1 - 4 OTTOBRE 2020)


 
Il giorno sbagliato si conferma come film più visto (si fa per dire) della settimana, ma i numeri sono impietosi: nel box office post-Covid bastano poco più di 300mila euro per andare in vetta alla top ten settimanale, e altrettanti per entrare in quella assoluta da inizio stagione... il raffronto con lo stesso periodo del 2019 è desolante: -80%. E la situazione, senza grandi titoli di richiamo che possano riportare la gente al cinema, non pare destinata a migliorare. Si prospettano tempi durissimi.

sabato 3 ottobre 2020

WAITING FOR THE BARBARIANS


titolo originale: WAITING FOR THE BARBARIANS (ITALIA, 2019)
regia: CIRO GUERRA
sceneggiatura: J.M. COETZEE
cast: MARK RYLANCE, JOHNNY DEPP, ROBERT PATTINSON, GRETA SCACCHI
durata: 112 minuti
giudizio: 


Ai remoti avamposti di un grande Impero, uno spietato Colonnello appena arrivato dalla Capitale cattura e tortura persone inermi per indurle a confessare se e quando si verificherà un attacco dei fantomatici "barbari", ovvero le popolazioni indigene che vivono oltre confine. Così facendo si scontrerà con il mite funzionario di frontiera che, da sempre, amministra con saggezza quel lembo di terra adottando la linea del dialogo e della tolleranza...

venerdì 2 ottobre 2020

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (1 - 7 OTTOBRE)



Senza grandi film di richiamo, soprattutto americani (la cui lavorazione è ritardata causa Covid), le sale cinematografiche soffrono e sono costrette a programmare titoli poco appetibili dal pubblico generalista. Sono appena cinque i film in uscita in questo weekend, tra cui spicca (si fa per dire) la commedia italiana tutta al femminile Burraco fatale, cui spetterà l'arduo compito di risollevare un po' il box office...


mercoledì 30 settembre 2020

IL GIORNO SBAGLIATO

 


titolo originale: UNHINGED (USA, 2020)
regia: DERRICK BORTE
sceneggiatura: CARL ELLSWORTH
cast: RUSSELL CROWE, CAREN PISTORIUS, GABRIEL BATEMAN, JIMMI SIMPSON, AUSTIN P. McKENZIE
durata: 90 minuti
giudizio:



A causa di un banale diverbio in coda davanti a un semaforo, lo psicopatico assassino Tom Cooper si mette a dare la caccia alla giovane Rachel Hunter, "rea" di averlo infastidito con il clacson. Sarà l'inizio di una giornata da incubo per lei e per le persone della sua famiglia...

lunedì 28 settembre 2020

BOX OFFICE (24 -27 SETTEMBRE 2020)

Una settimana, quella appena trascorsa, all'insegna del freddo e del maltempo, che ha aiutato parecchio il botteghino: la pioggia spinge la gente a "rifugiarsi" al cinema e gli incassi risalgono leggermente. Il film più visto del weekend è Il giorno sbagliato con l'inossidabile Russell Crowe, ma la vera sorpresa è Waiting for the barbarians di Ciro Guerra (produzione e distribuzione italiana) che ottiene la miglior media/schermo: seppur distribuito in poche sale, la presenza di due grandi attori come Johnny Depp e Mark Rylance ha invogliato il pubblico alla visione. Benino anche Padrenostro di Claudio Noce, che ha sfruttato la presentazione alla Mostra di Venezia e il premio a Pierfrancesco Favino