sabato 18 gennaio 2020

RICHARD JEWELL




titolo originale: RICHARD JEWELL(USA, 2019)
regia: CLINT EASTWOOD
sceneggiatura: BILLY RAY
cast: PAUL WALTER HAUSER, SAM ROCKWELL, KATHY BATES, OLIVIA WILDE, JON HAMM
durata: 129 minuti
giudizio: 



La vera storia di Richard Jewell, guardia giurata corpulenta e complessata che alle Olimpiadi di Atlanta del 1996 contribuì a salvare migliaia di vite umane scoprendo una bomba nascosta dentro una zaino nelle adiacenze dello stadio. Jewell, acclamato subito come eroe, fu in seguito ingiustamente sospettato dall' FBI di essere l'autore dell'attentato, finendo per essere scagionato solo dopo parecchi mesi e dopo essere stato vittima di una violentissima gogna mediatica nei suoi confronti. Jewell, riabilitato pubblicamente solo nel 2006, morirà di infarto l'anno successivo, poco dopo l'arresto del vero assassino. 


giovedì 16 gennaio 2020

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (16 - 22 GENNAIO)


Compirà 90 anni il prossimo 31 maggio, ma avremo tempo e modo per festeggiarlo a dovere. Adesso però c'è un nuovo film in uscita e come al solito l'attesa è grande: Clint Eastwood è un'icona del nostro tempo e ogni sua opera merita il massimo rispetto e considerazione. Con Richard Jewell il regista californiano prosegue con coerenza il suo discorso sugli anti-eroi americani, mostrandoci l'altra faccia del successo e gli intrighi del potere. Il film ha avuto mille peripezie produttive: dalle accuse (risibili) di sessismo a un incendio che ha devastato gli studi della Warner... ma pensate che il vecchio Clint si sia lasciato scalfire? Illusi! Piuttosto correte al cinema per questo nuovo, ennesimo regalo!

mercoledì 15 gennaio 2020

HAMMAMET


titolo originale: HAMMAMET (ITALIA, 2020)
regia: GIANNI AMELIO
sceneggiatura: GIANNI AMELIO, ALBERTO TARAGLIO
cast: PIEFRANCESCO FAVINO, LUCA FILIPPI, LIVIA ROSSI, ALBERTO PARADOSSI, SILVIA COHEN, RENATO CARPENTIERI, OMERO ANTONUTTI, GIUSEPPE CEDERNA, CLAUDIA GERINI
durata: 126 minuti
giudizio:



Travolto dalle inchieste di Tangentopoli, il leader socialista Bettino Craxi fugge con moglie e figlia ad Hammamet, in Tunisia, per sottrarsi alla giustizia. Qui, nel corso della sua latitanza (che perdurerà fino alla morte) riceverà le visite di politici, compagni di partito, amanti e turisti occasionali...

martedì 14 gennaio 2020

BOX OFFICE (5 - 12 GENNAIO 2020)

Tolo Tolo "frena" (si fa per dire! supera i 40 milioni...) ma diventa lo stesso il film più visto della stagione dopo solo due settimane di tenitura. E' evidente che, dopo la grande curiosità del primo weekend (dovuta anche a un'abile strategia commerciale) molti spettatori sono rimasti disorientati dal cambio di registro del comico pugliese. Lo vogliamo dire? I cosiddetti "sovranisti" fascio-leghioti non l'hanno presa bene dopo il demenziale trailer che faceva presagire un film su misura per le loro ridicole idee. Succede.

Continua comunque a sorridere il cinema italiano, che piazza la new-entry Hammamet di Gianni Amelio direttamente al secondo posto, mentre continuano a incassare bene Ficarra e Picone, Garrone e Ozpetek. Discreto anche il debutto del sempreverde Piccole Donne, che ora potrà anche beneficiare delle fresche candidature agli Oscar.

lunedì 13 gennaio 2020

OSCAR 2020 : LE NOMINATIONS




Sarà una sfida generazionale quella che vedremo il prossimo 9 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles: la 92. Notte degli Oscar vedrà contrapporsi il cinema della tradizione (quello degli Studios, di Sam Mendes, di Scorsese e della vecchia Hollywood) a quello più "alternativo" (di Tarantino, dei giovani autori, dei cinecomics e di Netflix). Con la grande, bellissima incognita di un film coreano (Parasite) che ha conquistato l'America e potrebbe essere la vera sorpresa di quest'anno...

venerdì 10 gennaio 2020

TOLO TOLO


titolo originale: TOLO TOLO (ITALIA, 2020)
regia: CHECCO ZALONE
sceneggiatura: CHECCO ZALONE, PAOLO VIRZI'
cast: CHECCO ZALONE, SOULEYMANE SILLA, MANDA TOURE', NASSOR SAID BIRYA
durata: 93 minuti
giudizio: 



Spinazzola, Puglia: Checco, stufo del reddito di cittadinanza, apre un sushi-restaurant in paese ma viene ben presto travolto dai debiti. Inseguito dai creditori trova rifugio in Africa, dove si arrangia come cameriere e prova a rifarsi una nuova vita. L'improvviso scoppio di una guerra lo costringerà però a ritornare in Italia seguendo la rotta dei migranti...

mercoledì 8 gennaio 2020

IL CINEMA CHE VERRA' : DIECI TITOLI IMPERDIBILI DA QUI A PRIMAVERA


Se l'estate è la stagione delle vacanze, l'inverno è tradizionalmente quella del cinema: è un momento felice per il grande schermo, con le sale che si riempono e gli incassi che schizzano in alto (e non solo grazie al "fenomeno" Zalone) nonostante le solite "cassandre" che vedono nelle nelle piattaforme streaming e on-demand il male assoluto... in realtà non c'è Netflix, Amazon o Sky che tengano: i numeri di queste settimane dimostrano che se l'offerta è valida il pubblico accorre anche in sala, purchè ci siano film in grado di stimolarne la curiosità.

E la programmazione di questa prima parte di 2020 sembra promettere più che bene, con titoli che dovrebbero accontentare ogni categoria di spettatori: dai grandi blockbuster americani (Charlie's Angels, il nuovo James Bond, Mulan, JoJo Rabbit, l'ennesimo Fast and Furious) ai famigerati cinecomics (Black Widow, Birds of Prey, Wonder Woman, Il Dottor Dolittle) fino al cinema di casa nostra con gli "evergreen" Verdone, Muccino e Aldo Giovanni e Giacomo (questi ultimi per una volta lontano dalla bagarre natalizia).

E poi ci sono soprattutto i film che interessano a noi cinefili, il cinema d'autore e di qualità, che ci accompagnerà fino a primavera con il ritorno di vecchi maestri (Malick, Eastwood, Moretti, Amelio), nuove leve, soprattutto femminili (Greta Gerwig e Marjane Satrapi) e attese conferme (Sam Mendes, Giorgio Diritti). Insomma, questi dieci film a seguire dovrebbero proprio fare per voi...

martedì 7 gennaio 2020

BOX OFFICE (2 - 5 GENNAIO 2020)

la coda al Cinema Nuovo di Martina Franca per "Tolo Tolo"


Checco Zalone ormai non è più "solo" un personaggio, è un fenomeno di costume. Tolo Tolo incassa 30 milioni di euro nei primi cinque giorni di programmazione, con una media/schermo mostruosa: persino meglio del precedente Quo Vado?, già a sua volta da record... con Zalone si sono riviste le code alle biglietterie, i sold-out anticipati, le famiglie al cinema, tutte cose che pensavamo appartenere ad un'altra era geologica, anni-luce fa. E dalle prime recensioni il film sembra persino apprezzato dalla critica, quindi onore al merito!

Ma la buona notizia del box office festivaliero è che, Zalone a parte, la gente pare aver riscoperto il piacere della sala cinematografica: anche tutti gli altri film infatti incassano benissimo, in particolar modo il cinema italiano che con Garrone, Ficarra e Picone e Ozpetek è ormai stabilmente ai vertici delle classifiche. E sorride persino il cinema d'essai: ne è la prova il grande risultato del "vecchio" Ken Loach, il cui nuovo film ottiene addirittura la miglior media/schermo del weekend dopo Tolo Tolo: a dimostrazione, l'ennesima, che se l'offerta in sala è valida il pubblico risponde eccome!

lunedì 6 gennaio 2020

AI GLOBES TRIONFA TARANTINO, NETFLIX A MANI VUOTE



C'è aria di "restaurazione" a Hollywood, o forse (più probabile) voglia di difendere uno status-quo a dispetto di una tendenza che pare (?) irreversibile: la 77.ma edizione dei Golden Golbes, a sorpresa, respinge Netflix e premia il cinema in sala, esattamente il contrario di ciò che sembrava in sede di nominations. E invece il colosso dello streaming esce con le ossa rotte dalla cerimonia di ieri sera: delle 17 candidature complessive solo una, quella di Laura Dern in Storia di un matrimonio, si è trasformata in statuetta... quasi come se la stampa estera di stanza a Los Angeles, quella che assegna i premi, temesse di essere additata come "nemica" di un sistema che comunque vacilla sempre più. A questo punto siamo curiosi di vedere cosa farà l'Academy, normalmente ancora più tradizionalista, che tra un mesetto assegnerà i suoi prestigiosi Oscar.




sabato 4 gennaio 2020

SORRY WE MISSED YOU



titolo originale: SORRY WE MISSED YOU (GB, 2019)
regia: KEN LOACH
sceneggiatura: PAUL LAVERTY
cast: KRIS HITCHEN, DEBBIE HONEYWOOD, RHYS STONE, KATIE PROCTOR, ROSS BREWSTER
durata: 101 minuti
giudizio: 



Ricky è un giovane traspostatore pieno di debiti che decide di mettersi in proprio per portare a casa qualche soldo in più. Costretto a vendere la macchina della moglie per versare l'anticipo del nuovo furgone, si scontrerà con una realtà inimmaginabile, fatta di ritmi insostenibili, sfruttamento, caos e precarietà, che condizionerà anche il rapporto con i figli.